6 Marzo 2020 Iscrizioni

Aula rossa - Ore 10:00-11:30

STEFANIA BOCCONI

La competenza digitale della scuola: lo strumento di autovalutazione SELFIE

Posti ancora disponibili: 23

Dettagli

ll workshop immersivo “La competenza digitale della scuola: lo strumento di autovalutazione SELFIE” è dedicato al tema dell’autovalutazione della competenza digitale della scuola. In particolare, il workshop mira a far conoscere la natura del percorso di auto-valutazione promosso da SELFIE, uno strumento online, gratuito e facile da usare che aiuta le scuole a ‘fotografare’ le proprie strategie e pratiche d’uso delle tecnologie digitali in vari ambiti e a utilizzare i risultati per pianificare azioni di sviluppo. Sinergie tra SELFIE e
altri strumenti utilizzati dalle scuole (ad es. RAV, PTOF) verranno discusse.
Il workshop, condotto da CNR-ITD, è organizzato in varie sessioni in cui momenti di stimolo e riflessione si alternano ad attività pratiche e discussioni collettive.
Il workshop è rivolto a insegnanti e dirigenti scolastici di tutti gli ordini di scuola.

Sala blu - Ore 14:30-18:00

SFIDE SPAZIO DS

Le sfide del passato (promesse mantenute o disattese?)

Posti ancora disponibili: 31

Dettagli

Apertura a cura di Andrea Gavosto, Fondazione Agnelli.

Dirigenti e scuola: il punto sulle sfide del passato, del presente e del futuro.

“Documento dei Saggi”: da un’idea di scuola visionaria (1997) alla “Zona Franca” (2019). 

Luigi Berlinguer (già Ministro dell’Istruzione); Roberto Maragliano (già docente universitario e allora coordinatore della Commissione dei Saggi istituita da Luigi Berlinguer)

Ero DS nel '99. L’autonomia: promessa mancata? 

Dialogo interattivo con il pubblico, tra stimoli multimediali e riflessioni semiserie. Laura Biancato

La leadership educativa, appena ieri.

Dibattito, modera Marzio Rivera, con Giuseppe Prosperi, Giancarlo Cerini

Arena - Ore 16:00-17:30

PAOLO MOLTENI, PAOLA PESSINA, FLAVIO BARATTIERI, DANIELE BRATTOLI, ANDREA BORTOLOTTI

Verso una Comunità Resiliente: un progetto di cittadinanza attiva, tra scuola, territorio e comunità

Posti ancora disponibili: 123

Dettagli

La vita contemporanea, sempre più caratterizzata da trasformazioni e cambiamenti repentini e spesso imprevedibili, impone alle istituzioni civiche e scolastiche, ai gruppi sociali ed alle singole persone capacità inedite di interazione e adattamento attivo. Un atteggiamento aperto ed inclusivo capace di raccogliere le sfide che la "modernità" inevitabilmente porta con sé, gestendone i timori e valorizzandone le opportunità offerte.

I temi legati alla resilienza, ma anche alla cittadinanza attiva, al ruolo della scuola sono alla base del progetto “Verso una Comunità Resiliente” svoltosi a Cornaredo (MI) tra il 2018 e il 2019 e finanziato da Fondazione Comunitaria Nord Milano.

Il progetto ha sviluppato diverse azioni ed interventi tesi a strutturare e consolidare un “PATTO EDUCATIVO DI COMUNITA’" che, partendo dal lavoro dei ragazzi della scuola dell’obbligo sui concetti di regole, comunità, rispetto e mutuo-aiuto, coinvolgesse successivamente la “società degli adulti” nel costruire ambiti concreti di azione e confronto permanente, tesi a costruire e veicolare una visione di comunità tenace, aperta e propositiva.

Alcuni protagonisti e promotori del progetto avranno modo di dialogare per raccontare l’esperienza appena conclusasi e ragionare su possibili sviluppi futuri.

Aula rossa - Ore 17:30-19:00

SARA COSTANZO, MARIA RAMUNNO, BIMBA LANDMANN, ANTONELLA SEMILIA, ANNA DI FONZO

"Sii dolce con me. Sii gentile."

Posti ancora disponibili: 55

Dettagli

Oltre cento scuole hanno aderito quest’anno alla Settimana della gentilezza, occasione di riflessione e di rilancio di un pensare, un vivere, un essere gentile come espressione di sé.
Parole ed emozioni si intrecciano in un movimento interiore in relazione con il senso profondo del proprio agire e dell’essere insegnanti ed educatori oggi, con il desiderio di dare valore a ogni relazione umana. 
Durante l’incontro si alterneranno riflessioni, spunti, esperienze di cammino gentile a scuola, nell’arte, in educazione.  

 

7 Marzo 2020 Iscrizioni

Sala blu - Ore 09:30-12:30

SFIDE SPAZIO DS

Le sfide del presente (quale lo stato dell'arte?)

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

Modera Paola Guarnieri, conduttrice di Tutti in classe - Rai Radio Uno

Il dirigente scolastico nel 2019 e il rischio burn out. Emanuele Contu introduce e conduce il   Debate -

Vittorio Lodolo D’Oria vs Eleonora Galli

Chi voleva (vuole!) liberare la scuola?

Antonio Fini (gruppo promotore “Liberare la scuola” - 2016)

La leadership educativa, oggi. 

Tavola rotonda. I neo DS: Paolo Fasce, Emanuele Contu, Stefania Giacalone; un DS in zona “di frontiera”; Rossella Stornaiuolo; un DS gentile; Alberto Ardizzone; un DS che ha creato un modello educativo: Marco Orsi (Scuola Senza Zaino).

Arena - Ore 14:30-16:00

M GRAZIA DEMARIA ANGELA IZZUTI LUCA AZZOLLINI SABINA MINUTO ANNAMARIA ZERBONI

La formazione tecnico-professionale cosa offre oggi? che cosa chiede?

Posti ancora disponibili: 139

Dettagli

Da alcuni anni è in corso una riflessione e un serio lavoro di rivalutazione di questi ordini  di scuola, spina dorsale per la tenuta e lo sviluppo dell’industria italiana, e quindi del livello di benessere del Paese. 

Un primo handicap la formazione tecnica e professionale deve superarlo in terza secondaria di primo grado, in sede di Orientamento: se sei bravo a scuola, e cioè se sei bravo in italiano e matematica, vai al liceo. Un altro svantaggio è di tipo socio-culturale: la mentalità generale considera gli istituti tecnici e professionali scuole poco prestigiose e quindi di ripiego. La recente riforma dei professionali del 2017 (DL 61) ha introdotto tante novità quali un approccio interdisciplinare e una metodologia laboratoriale, ma non sufficienti a scardinare l’idea che esse siano scuole di serie B.  La terza causa riguarda lo stato dell’istruzione tecnica superiore. Da anni in Italia esiste un problema irrisolto, e cioè creare un biennio o un triennio di istruzione tecnica superiore professionalizzante (post-scolastica): l’attivazione dei corsi IFTS attualmente è gestita dalle Regioni, nell’ambito delle loro competenze esclusive in materia di programmazione dell’offerta formativa e siamo ben lontani dall’avere standard comuni. L’università inoltre ha fortemente contribuito a soffocare l’autonomia di una possibile istruzione tecnica superiore. La sperimentazione avviata nel 2010 degli ITS (Istituti tecnici superiori) serve moltissimo, ma rimane ancora con numeri di iscritti troppo bassi. Se non vediamo nell’alta formazione tecnologica una fonte di approvvigionamento di risorse indispensabili, non ce la faremo. Al suo sviluppo è condizionato il futuro del nostro Paese. D’altra parte, viene letto come un segnale di ripresa della formazione tecnico-professionale proprio l’aumento delle iscrizioni all’università dei diplomati che escono da queste scuole (dal 22,7% dell’a.a. 2011/12 al 26% dell’a.a. 2017/18, fonte Ufficio Stampa Consiglio Naz. Periti). Anche se i dati delle iscrizioni sono ancora lontani dagli anni Novanta e dall’inizio secolo, quando oltre il 44% dei diplomati e il 35% delle matricole universitarie proveniva dai tecnici. I numeri stanno lentamente cambiando e sembrano dare ragione a chi in tutti questi anni ha lavorato per migliorare la didattica, l’attenzione ai ragazzi, l’innovazione tecnologica, i rapporti con le imprese. Tutto in concomitanza forse con una più avvertita consapevolezza dell’importanza del ruolo che la formazione tecnica e professionale assume per l’economia del nostro Paese. C’è un margine per incentivare socialmente gli istituti tecnici e professionali: esso serve per moltiplicare i posti di lavoro e mettere in giusto rilievo la dignità e la grandezza del “fare”. Ci sono esperienze di provata eccellenza che consentono l’acquisizione di competenze strategiche, in un contesto di inclusione, e in una prospettiva direttamente legata al lavoro, senza dimenticare l'istruzione umanistica!

Crocevia di queste dinamiche sociali e formative, la formazione tecnico-professionale oggi cosa può offrire? E cosa chiede?

Ne parliamo con alcuni dei protagonisti che in questi anni hanno condotto esperienze di eccellenza e quindi ben conoscono problemi e prospettive di miglioramento.

Sala blu - Ore 14:30-18:00

SFIDE SPAZIO DS

Le sfide del futuro (think positive!)

Posti ancora disponibili: 2

Dettagli

Introduce e modera Alessandra Migliozzi, funzionaria MIUR, già capo ufficio stampa MIUR. E' prevista la presenza del sottosegretario Lucia Azzolina. 

Per una scuola maggiormente inclusiva e partecipativa Dario Ianes, docente universitario ed editore Centro Studi Erickson. 

Verso una P.A. Smart…

Francesca Di Liberti introduce e conduce il Debate  

Davide D’Amico (Dirigente DIGIPER MIUR) vs Antonio Fini (Dirigente Scolastico)

La leadership educativa, domani.  Idee e Movimenti.

L’innovazione nella scuola, ambienti di apprendimento e nuove metodologie. Avanguardie Educative INDIRE (Alessandra Rucci)

LabSto21 (Anna Maria Carbone)

Scuole Green: verso un curricolo sostenibile (Lucia Presilla, Maria Grazia Lancellotti, Carlo Firmani)

Conclusioni

Oils lab - Ore 16:00-17:30

GIUSEPPINA CANNELLA, GIUSEPPINA RITA JOSE MANGIONE, MICHELLE PIERI, INDIRE PROGETTO "PICCOLE SCUOLE"

Le piccole scuole insegnano! Un Movimento nazionale per fare della piccola scuola un laboratorio di innovazione.

Posti ancora disponibili: 26

Dettagli

Il workshop vuole essere un momento di confronto attivo con i docenti e dirigenti e l'occasione per mostrare come la piccola scuola può innovare in termini didattici e organizzativi.

Verrà presentato il Movimento delle Piccole Scuole  e discusso, anche attraverso la visione di casi di piccole scuole innovative, il Manifesto e i principi intorno a cui oggi si riconoscono circa 300 istituti (e oltre 1200 plessi). Il lavoro del gruppo INDIRE caratterizzato dalla rilevazione del profilo della piccola scuola italiana e  di metodi in grado di cambiare l'offerta educativa nei contesti più fragili, così come nell'accompagnare i docenti tramite percorsi di formazione e sperimentazione, viene restituito attraverso la testimonianza di alcuni docenti e dirigenti e al contempo attraverso  "I Quaderni delle Piccole scuole". "Storie", "Strumenti" e "Studi" verranno richiamati dai Ricercatori per mostrare "tracce di cambiamento" facendo  del raccordo con il territorio, dell'esperienza della pluriclasse e della distanza elementi chiave da cui ripartire per costruire pratiche innovative e in grado di restituire alla piccola scuola una identità di presidio culturale a cui non rinunciare. 

 

Riferimenti

Sito del Movimento delle Piccole Scuole  http://piccolescuole.indire.it/

Per aderire al Movimento  http://piccolescuole.indire.it/il-progetto/aderisci/

 

Aula verde - Ore 17:30-19:00

PAOLO QUADRINO

Convegno su l'Educazione Civica

Posti ancora disponibili: 45

Dettagli

L’Educazione Civica è la nuova materia con voto autonomo che la nuova Legge 92/2019 ha introdotto a partire dal prossimo anno scolastico 2019/2020 con 33 ore annuali. Si tratta di un insegnamento trasversale per ogni grado scolastico che affronta tematiche non soltanto riguardanti Costituzione, Istituzioni o organismi internazionali, ma si estende ad ambiti quali Agenda 2030, cittadinanza digitale, elementi di diritto del lavoro, educazione ambientale, patrimonio culturale, educazione alla legalità, contrasto alle mafie e formazione in materia di protezione civile. Durante l’incontro verranno analizzate le opportunità e le criticità di questa nuova materia che vuole formare cittadini responsabili, attivi e consapevoli alla vita civica, culturale e sociale.

Oils lab - Ore 17:30-19:00

CESARE BENEDETTI, GERMANA VAGNARELLI

Il Podcast come contenitore culturale d’istituto

Posti ancora disponibili: 22

Dettagli

Molti realizzano video e li condividono in rete. La gestione di un podcast scolastico permette di indirizzare i nostri studenti alla creazione di contenuti culturali e non soltanto ludici. Videolezioni, report, esperimenti, uscite didattiche. Tutto ciò che avviene in ambito scolastico può essere organizzato in un canale comunicativo coerente, sviluppabile e gestibile dagli studenti.

I video didattici sono utili nell’apprendimento poiché garantiscono diffusione e inclusione; demandare la parte operativa per la creazione di podcast ai ragazzi sviluppa la motivazione e la creatività, mettendoli nel ruolo di “autori”, delineando incarichi, responsabilità e facendoli sentire parte di un processo culturale.

Le consuete attività in rete possono trovare nuovi sviluppi e valenze attraverso il podcast.

Proviamo dunque a utilizzare video senza problemi, per lezioni e documentazione, condividiamo sui social e sui siti personali degli studenti, organizziamo staff tecnici, formati da alunni, totalmente in grado di gestire il processo creativo, sia nella scuola primaria che nella scuola secondaria inferiore.

Di più: la metodologia favorisce la didattica in verticale… 

Fare podcast è decisamente alla portata di tutti.

 

 

8 Marzo 2020 Iscrizioni

Arena - Ore 14:30-17:30

RETE LE SCUOLE DI SFIDE

Le Scuole di Sfide si raccontano

Posti ancora disponibili: 131

Dettagli

Le scuole della rete si raccontano: idee, progetti, buone pratiche da condividere.

Interverranno, in particolare:

Istituto Comprensivo via Giacosa di Milano: UN PERCORSO DI SCUOLA DIFFUSA
Direzione Didattica di Valenza (AL): PLASTIC FREE, LA GRANDE SFIDA
Istituto Comprensivo di Castegnato (BS): FARE SCUOLA CON IL CINEMA
Istituto Comprensivo Buonarroti di Corsico (MI): PHYLOSOPHY FOR CHILDREN
Istituto Comprensivo Montessori di Bollate (MI): PROGETTO MEMORIA
Istituto Comprensivo di Viguzzolo (AL): IL DNA, LA MOLECOLA DELLA VITA
Liceo Statale “G. Peano” di Tortona (AL): ESSAYER POUR RÉUSSIR. LE DÉFI D’UNE EXPÉRIENCE DE TRAVAIL EN FRANCE
Liceo Statale “G. Peano” di Tortona (AL): SCUOLA DEBULLIZZATA – VEDO, SENTO, PARLO!
Istituto Comprensivo di Bellusco e Mezzago (MI): GIOCOOPERIAMO

Iscrizioni