6 Marzo 2020 Iscrizioni

Aula rossa - Ore 10:00-11:30

STEFANIA BOCCONI

La competenza digitale della scuola: lo strumento di autovalutazione SELFIE

Posti ancora disponibili: 23

Dettagli

ll workshop immersivo “La competenza digitale della scuola: lo strumento di autovalutazione SELFIE” è dedicato al tema dell’autovalutazione della competenza digitale della scuola. In particolare, il workshop mira a far conoscere la natura del percorso di auto-valutazione promosso da SELFIE, uno strumento online, gratuito e facile da usare che aiuta le scuole a ‘fotografare’ le proprie strategie e pratiche d’uso delle tecnologie digitali in vari ambiti e a utilizzare i risultati per pianificare azioni di sviluppo. Sinergie tra SELFIE e
altri strumenti utilizzati dalle scuole (ad es. RAV, PTOF) verranno discusse.
Il workshop, condotto da CNR-ITD, è organizzato in varie sessioni in cui momenti di stimolo e riflessione si alternano ad attività pratiche e discussioni collettive.
Il workshop è rivolto a insegnanti e dirigenti scolastici di tutti gli ordini di scuola.

Sala blu - Ore 10:00-11:30

SANDRA MIGLIORE

Oltre la bolla

Posti ancora disponibili: 138

Dettagli

Secondo un fortunato neologismo oggi viviamo “onlife”, cioè in una dimensione segnata da una continua interazione tra realtà materiale e realtà virtuale. La diffusione pervasiva delle tecnologie ICT comporta vantaggi e comodità non indifferenti nella quotidianità, ma insieme pone nuovi problemi e sfide, di impatto sociale e civile. La grande mole di informazioni a disposizione degli individui sul web e le modalità stesse che regolano la nostra presenza online richiedono, infatti, competenze cognitive e comportamentali non indifferenti per un uso consapevole, democratico e partecipativo della rete. Il laboratorio affronta il tema della “bolla” digitale e della ricerca di informazioni sul web stimolando una riflessione condivisa a partire da alcune esperienze pratiche.

Piazza espositori - Ore 11:00-12:00

MARCIA LEONE

Ascolto attivo e comunicazione efficace

Posti ancora disponibili: 39

Dettagli
Evento realizzato a cura di International House

Diamo insieme uno sguardo a come possiamo imparare e poi insegnare ai nostri studenti, a comunicare in modo efficace attraverso una maggiore consapevolezza di sé e una maggiore empatia.

Aula rossa - Ore 11:30-13:00

CRISTINA BRALIA

Percorsi virtuali di cittadinanza concreta

Posti ancora disponibili: 4

Dettagli

Geolocalizzazione e tour virtuali possono diventare strumento di narrazione del proprio territorio, alimentando il senso di appartenenza dei futuri cittadini, favorendo attenzione e protezione del territorio inteso come ambiente e cultura. Chi conosce rispetta.

Contemporaneamente, i tour virtuali possono essere sfruttati come strategia per l’inclusione di studenti provenienti da culture e Paesi differenti. Chi conosce non fa la guerra (nè qui, nè altrove).

Piazza espositori - Ore 12:00-13:00

PAUL FRANK WAGNER

Sticks & Stones: Il Land Art Per Bambini

Posti ancora disponibili: 42

Dettagli
Evento realizzato a cura di HOOPLA EDUCATION

Un incontro interattivo con Paul Wagner, artista contemporaneo ed autore del programma didattico CLIL di arte Sticks & Stones, dove i partecipanti sperimenteranno come usare risorse visive per sviluppare nei bambini competenze spaziali insieme ad un senso dell'estetica con la materia prima in assoluto: sassi. In questo incontro pluri-sensoriale, l’artista ripercorrerà i più grandi artisti del movimento del Land Art, come Richard Long e Andy Goldsworthy, applicando tecniche artistiche innovative nell’elaborazione di sculture oltre che a costruire interconnessioni multidisciplinari con altre materie.

Piazza espositori - Ore 14:00-15:00

ROBERTO VITALI

Geco: un software per l'apprendimento e l'inclusione degli studenti con BES e Disabilità

Posti ancora disponibili: 41

Dettagli
Evento realizzato a cura di ANASTASIS COOPERATIVA SOCIALE

Geco è un software che abbassa il carico cognitivo dello studio e permette quindi di utilizzare al meglio le proprie abilità. 

È stato progettato per aiutare chi studia:

  • ad affrontare i compiti secondo il proprio stili di apprendimento;
  • a costruire il proprio metodo di studio;
  • a pensare e memorizzare anche per immagini, visualizzando parole e concetti;
  • a migliorare la capacità di apprendere usando i propri canali sensoriali più efficaci;
  • ad avere facilmente la visione d’insieme di un argomento.

Aula verde - Ore 14:30-16:00

NADIA ABATE, PAOLA PARADISI, DANILO CINCIPIRINI

Crea il tuo cartone animato

Posti ancora disponibili: 9

Dettagli

Per scoprire il libro "Crea il tuo cartone animato", manuale creativo per sperimentare con 12 tecniche del cinema d'animazione: dal “precinema” fino alla pixillation.

Perché il cinema d'animazione non è solamente un'arte per bambini, ma anche un grande strumento di espressione e ricerca per gli adulti.

Così nel 2014 nasce Animàni, collettivo che organizza laboratori di cinema d'animazione 2D per bambini, adulti, insegnanti, gruppi.

Oils lab - Ore 14:30-16:00

GIUSEPPE SCHIUMA

Idee in movimento

Posti ancora disponibili: 14

Dettagli

Il workshop è dedicato a docenti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado.
Si propone, come dice il titolo, di “dare movimento alle idee” accompagnando in modo ludico gli studenti alla scoperta, all’immaginazione, alla progettazione, alla realizzazione ed alla contestualizzazione in ambito disciplinare degli automata: strutture robotiche in grado di compiere azioni e movimenti, in base ad articolazioni e meccanismi di movimento (leve, camme, trasmissioni ed articolazioni) anche con l’utilizzo di schede elettroniche programmate con linguaggi visuali a blocchi, tipo Scratch. La grande versatilità di queste macchine in ottica STEAM consiste nel fatto che possono essere realizzate con strumenti e materiali di facile reperibilità utilizzando conoscenze e competenze transdisciplinari.

Sala arancione - Ore 14:30-16:30

BIBLIOTECHE E SCUOLE

LeggiAMO riflettiAMO creiAMO: percorsi fra biblioteca e scuola

Posti ancora disponibili: 81

Dettagli

SEMINARIO che vede  protagoniste, insieme alle scuole, le biblioteche comunali, di quartiere e i sistemi bibliotecari. La prima parte ha carattere seminariale, la seconda più laboratoriale. 

Si vuole sottolineare l'importante ruolo  di promozione alla lettura, che le biblioteche svolgono al fine di  rendere le persone consapevoli dei propri interessi, autonome nelle scelte e capaci di capitalizzare le esperienze da lettori, affinando il pensiero critico. E’ la scuola, per molti ragazzi ad offrire l’opportunità di un primo contatto con la biblioteca che, a sua volta, coltivando l’amore per la lettura, ha il compito di far sì che essi  riconoscano nella biblioteca uno spazio da frequentare anche oltre gli obblighi scolastici. Le biblioteche hanno molto da offrire alle scuole  in termini di esperienze e percorsi formativi diretti sia agli alunni sia ai docenti. Le proposte presentate, sono coprogettate con le scuole per rispondere a specifiche esigenze e si caratterizzano per l’elevato spessore culturale, l’efficacia didattica, la trasferibilità, nonchè l’economicità.

I progetti presentati spaziano dalla progettazione di laboratori per le classi (Sistema Bibliotecario di Milano), al consolidamento delle competenze digitali (Biblioteca Coccaghio BS e Biblioteca di Economia e Management dell'Università degli Studi di Torino.), alla realizzazione di pagine di Wikipedia (Biblioteca Fondazione Mach S. Michele all'Adige),  alla costruzione di un curriculum digitale per il primo ciclo (Polo Bibliotecaro regionale #MarcheLovesWki), al percorso di formazione per docenti (Biblioteca Comunale Peppino Impastato di Prato), al progetto europeo READ ON - Reading for Enjoyment, Achievement and Development of yOuNg people ( Rete Bibliotecaria Mantovana e Festivaletteratura Mantova), alla formazione di reti di biblioteche scolastiche (Toriniretelibri)

Modera l'incontro la Dott.ssa Sandra Migliore  coordinatrice della Biblioteca di Economia e Management dell'Università degli Studi di Torino

L'evento prosegue  con i tavoli di approfondimento a carattere laboratoriale e in piccoli gruppi a cui è possibile effettuare l'iscrizione:

  1. Coprogettazione tra  biblioteche e scuole  [Sistema Bibliotecario di Milano]

  2. La formulazione della domanda di ricerca e le strategie di reperimento delle informazioni: un esempio pratico [Biblioteca Comunale di Coccaglio ( BS)]
  3. Bastano gli occhi per vedere un'immagine? Gioco sulle percezioni”  [Biblioteca Comunale di Coccaglio ( BS)]
  4. Il curricolo per la competenza informativa: una proposta per la scuola italiana [Polo Bibliotecario regionale #MarcheLovesWiki]
  5.  La strada della ricerca: formazione laboratoriale per docenti per costruire percorsi di apprendimento sull'Information Literacy nella scuola primaria e secondaria di primo grado [Biblioteca Comunale Peppio Impastato di Prato]
  6.  La biblioteca scolastica oltre la scuola [Torinoretelibri]

Aula rossa - Ore 14:30-16:00

ANDREA MANGIATORDI

Progettare e realizzare slide accessibili a sostegno della didattica inclusiva

Posti ancora disponibili: 1

Dettagli

Tutta la teoria della Progettazione Universale potrebbe essere riassunta in una frase: è importante progettare pensando a chi ha più difficoltà, a chi costituisce un "caso limite", piuttosto che limitarsi a pensare al proprio "utente medio". Questo implica una profonda riflessione su quali siano i requisiti che si danno per scontati ogni volta che si produce una presentazione rivolta a un uditorio ad alta variabilità, quale può essere una classe: oggetti fatti per essere visti e per rappresentare concetti, possono produrre barriere proprio per chi abbia difficoltà sensoriali o cognitive. In questo workshop si discuteranno alcuni temi e alcune strategie utili per migliorare l'accessibilità delle slide e per meglio integrarle in percorsi didattici che aspirino ad essere inclusivi.

Arena - Ore 14:30-16:00

MARTINO NEGRI

U come umorismo, U come utopia. Un ritratto di Gianni Rodari nel centenario della sua nascita.

Posti ancora disponibili: 64

Dettagli

U come umorismo, U come utopia.

Un ritratto di Gianni Rodari nel centenario della sua nascita

Nella storia della letteratura per l’infanzia in Italia esiste un prima e un dopo Rodari. A partire dagli anni Cinquanta lo scrittore nato a Omegna ha infatti indicato un modo nuovo di guardare ai bambini e alle storie in versi o in prosa scritte per loro. 

Fin dagli esordi Rodari li ha considerati interlocutori al tempo stesso seri e giocosi, destinatari degni di attenzione e profondo rispetto, persone capaci di esplorare la complessità del mondo e alle quali, dunque, non nascondere le contraddizioni e ingiustiziesulle quali questo si fonda. 

Con questo spirito ha scritto per loro storie, poesie e filastrocchepiene di umorismo e attraversate da un’irriducibile tensione utopica: ancora oggi le sue parole invitano a immaginare mondi soggetti a regole diverse da quelle alle quali siamo ormai abituati, alle quali ci siamo adeguati – anche nel quotidiano pensare – e grazie a questo scarto immaginativo suscita il desiderio di non accontentarsi del reale così come sembra dato, gettando idealmente le basi per una sua trasformazione anche radicale.

Piazza espositori - Ore 15:00-16:00

ANDREA MARICELLI

Apple Education - Divisioni da superare: storie da ricordare - (Accessibilità e inclusione, creatività, AR)

Posti ancora disponibili: 56

Dettagli
Evento realizzato a cura di C&C

In questo workshop rivivremo momenti storici di fondamentale importanza, come l’immigrazione italiana negli Stati Uniti e le vicende legate al Muro di Berlino, approfondendo i contenuti sui libri liquidi di Pearson, esplorando i luoghi simbolici di quei momenti con la Realtà Aumentata e usando App efficaci ed intuitive per attualizzare, discutere insieme ed esprimere infine il nostro pensiero. Avremo a nostra disposizione creatività, iPad e contenuti editoriali di grande valore per rinnovare e condividere la nostra memoria in modi nuovi e didatticamente sorprendenti. 

Piazza espositori - Ore 16:00-17:00

GERMANA VAGNARELLI

Creative teacher, creative learning

Posti ancora disponibili: 27

Dettagli
Evento realizzato a cura di R-Store

Ci sono tanti modi per rendere una lezione interessante e coinvolgente, a volte basta semplicemente dare sfogo alla nostra creatività e avere come supporto un iPad.

La lezione in classe: più è creativa e meglio gli studenti apprendono.

In questo workshop proveremo a creare una lezione creativa, coinvolgente, interattiva, ma soprattutto faremo in modo di rendere ogni studente partecipe e consapevole del suo apprendimento.

Oils lab - Ore 16:00-17:30

FEDERICA GAMBEL

Da Coding Unplugged allo Sviluppo di APP Esempi di progetti di coding in orario didattico

Posti ancora disponibili: 1

Dettagli

In questo workshop cercheremo di dare risposta alle principali domande che emergono quando si parla di attivare un laboratorio di coding in orario didattico per la scuola primaria e secondaria di I grado. Quali strumenti? Quali ambienti? Quanto tempo è necessario? Quali criticità si potranno incontrare? Quali competenze verranno rafforzate? Verranno condivise le esperienze fatte per dei laboratori di coding unplugged (senza device) ma anche laboratori di progettazione e sviluppo di app.
 

Aula rossa - Ore 16:00-17:30

GIUSEPPE CORSARO

I nostri studenti: cittadini digitali

Posti ancora disponibili: 42

Dettagli

Per una didattica che tenga conto delle competenze trasversali per il cittadino del XXI secolo. 

L'impatto del framework DigComp 2.1 nei processi di insegnamento/apprendimento. L'intervento prevede delle interazioni col pubblico ed è diretto a docenti di qualsiasi ambito disciplinare (della primaria e della secondaria).

Aula verde - Ore 16:00-17:30

ANGELO BARDINI

Un decalogo (più o meno) per progettare, avviare e mantenere una biblioteca innovativa

Posti ancora disponibili: 24

Dettagli

Se non ho una biblioteca, da dove parto? Se non ho i soldi e non ho un metro quadrato, ci provo lo stesso? Come faccio a intrigare colleghi e genitori? Come posso coinvolgere il territorio?

Fundraising e crowdfunding: che fare?

Nel contenitore cosa metto? Didattiche, tecnologie e formazione: quali?

Progettiamo un decalogo o giù di lì, per dare risposte concrete a queste domande.

Arena - Ore 16:00-17:30

PAOLO MOLTENI, PAOLA PESSINA, FLAVIO BARATTIERI, DANIELE BRATTOLI, ANDREA BORTOLOTTI

Verso una Comunità Resiliente: un progetto di cittadinanza attiva, tra scuola, territorio e comunità

Posti ancora disponibili: 123

Dettagli

La vita contemporanea, sempre più caratterizzata da trasformazioni e cambiamenti repentini e spesso imprevedibili, impone alle istituzioni civiche e scolastiche, ai gruppi sociali ed alle singole persone capacità inedite di interazione e adattamento attivo. Un atteggiamento aperto ed inclusivo capace di raccogliere le sfide che la "modernità" inevitabilmente porta con sé, gestendone i timori e valorizzandone le opportunità offerte.

I temi legati alla resilienza, ma anche alla cittadinanza attiva, al ruolo della scuola sono alla base del progetto “Verso una Comunità Resiliente” svoltosi a Cornaredo (MI) tra il 2018 e il 2019 e finanziato da Fondazione Comunitaria Nord Milano.

Il progetto ha sviluppato diverse azioni ed interventi tesi a strutturare e consolidare un “PATTO EDUCATIVO DI COMUNITA’" che, partendo dal lavoro dei ragazzi della scuola dell’obbligo sui concetti di regole, comunità, rispetto e mutuo-aiuto, coinvolgesse successivamente la “società degli adulti” nel costruire ambiti concreti di azione e confronto permanente, tesi a costruire e veicolare una visione di comunità tenace, aperta e propositiva.

Alcuni protagonisti e promotori del progetto avranno modo di dialogare per raccontare l’esperienza appena conclusasi e ragionare su possibili sviluppi futuri.

Cantieri - Ore 16:45-18:30

SISTEMA BIBLIOTECARIO DI MILANO

1. Coprogettazione fra biblioteche e scuole

Posti ancora disponibili: 19

Dettagli

Tavolo di lavoro nell'ambito del percorso Biblioteche e Scuole  finalizzato alla creazione di un format di coprogettazione fra biblioteche e scuole

Relatori

Bibliotecari del comune di Milano

Sala arancione - Ore 16:45-18:30

BIBLIOTECA COMUNALE DI COCCAGLIO ( BS)

2. La formulazione della domanda di ricerca e le strategie di reperimento delle informazioni: un esempio pratico

Posti ancora disponibili: 24

Dettagli

Tavolo di lavoro nell'ambito del percorso Biblioteche e Scuole che sviluppa una atività laboratoriale sul tema dell'Information literacy

Relatrici

  • Irene Marini  
  • Chiara Lazzaroni

Sala arancione - Ore 16:45-18:30

BIBLIOTECA COMUNALE DI COCCAGLIO ( BS)

3. Bastano gli occhi per vedere un’immagine? Gioco sulle percezioni

Posti ancora disponibili: 25

Dettagli

Tavolo di lavoro nell'ambito del percorso Biblioteche e Scuole in cui si consolidano competenze di  lettura e interpretazione di una immagine. Indicato per insegnanti della scuola secondaria

Relatrice

Francesca Bianchetti

Cantieri - Ore 16:45-18:30

POLO BIBLIOTECARIO REGIONALE #MARCHELOVESWIKI

4. Il curriculum per la competenza informativa: una proposta per la scuola italiana

Posti ancora disponibili: 23

Dettagli

Tavolo di lavoro nell'ambito del percorso Biblioteche e Scuole. A partire dalle Indicazioni nazionali e delle Linee guida per le scuole di ogni ordine e grado, il tavolo di lavoro intende illustrare ai partecipanti quali sono i traguardi formativi e gli obiettivi specifici di apprendimento, presenti nei principali documenti di lavoro nazionali e internazionali, che fanno riferimento implicito alla competenza informativa degli studenti ovvero alla capacità di esercitare il pensiero critico attraverso l’accesso, l’interpretazione, l’analisi, la gestione, la creazione, la comunicazione, l’archiviazione e la condivisione delle fonti informative. L’ambizione è quella di avviare un percorso partecipato che punti ad esplicitare un possibile curricolo da sottoporre a dirigenti, docenti, bibliotecari ed educatori della scuola italiana, in grado di fornire una visione formativa d’insieme e che abbia caratteristiche diacroniche, progressive e generative, dentro e oltre gli insegnamenti disciplinari. 

Relatori

  • Tommaso Paiano Bibliotecario
  • Sara Calcatelli Docente IIS Panzini di Senigallia,

Sala arancione - Ore 16:45-18:30

BIBLIOTECA COMUNALE PRATO NORD “PEPPINO IMPASTATO”

5. La strada della ricerca: formazione laboratoriale per docenti per costruire percorsi di apprendimento sull’Information Literacy

Posti ancora disponibili: 22

Dettagli

Far incontrare e dialogare i saperi della scuola con i saperi dei bibliotecari per aprire una riflessione e creare percorsi per sviluppare la competenza informativa

Cantieri - Ore 16:45-18:30

TORINORETELIBRI BIBLIOTECHE SCOLASTICHE

6. La biblioteca scolastica oltre la scuola

Posti ancora disponibili: 22

Dettagli

Tavolo di approfondimento sulla costruzione di reti di Biblioteche scolastiche

Relatrice

Antonella Biscetti Torinoretelibri

Aula verde - Ore 17:30-19:00

VALENTINA MORGANA

Intentional Tech: Insegnare l’inglese con le tecnologie mobili.

Posti ancora disponibili: 40

Dettagli

Il dibattito sull’uso delle tecnologie mobili in classe si fa sempre più accesso in tutta Europa. Secondo le più recenti ricerche, l'inglese e le lingue straniere sono tra le discipline che più traggono beneficio da queste tecnologie. Ma è davvero così semplice? Quali attività sono più efficaci? Quali aspetti della lingua migliorano davvero? Perché? Dalla primaria alla secondaria di secondo grado, un percorso sui principi che guidano l’integrazione degli smartphone nella didattica dell’inglese.

Oils lab - Ore 17:30-19:00

ANTONELLA BINAGO

L’attualità del pensiero Montessoriano nell’esperienza di alcune scuole secondarie di primo grado di Milano

Posti ancora disponibili: 23

Dettagli

1870-2019 - 150 anni dalla nascita di Maria Montessori.

Scuola pubblica e Maria Montessori: due realtà che ‘si parlano’ molto all’estero ma stranamente poco in Italia dove la scuola, specialmente la secondaria di primo grado, soffre per la complessità crescente dell’utenza e la progressiva riduzione di attenzione e di risorse da parte delle istituzioni. La proposta didattica di Maria Montessori rappresenta un’opportunità d’innovazione che alcune scuole periferiche di Milano hanno colto, dando origine a un progetto sperimentale che mette al centro le esigenze dei ragazzi promuovendone autonomia, libertà di scelta ed esperienze significative.

Una scelta dettata dal desiderio di cambiamento condiviso da docenti e famiglie per portare i ragazzi a una crescente consapevolezza di sé e del mondo che li circonda.

Sala arancione - Ore 17:30-19:00

DAVIDE TAMAGNINI

Perché insegniamo?

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

Un confronto aperto con tutti gli educatori (insegnanti o genitori) che vogliono provare a ripartire dai fondamenti della scuola, dalle credenze e dalle pratiche vissute per dare alle persone che la abitano la possibilità di riflettere sui fini dell'educazione e sulle strade da percorrere per raggiungerli.

Per tutte le persone che dentro o fuori la scuola sono curiose e desiderose di mettersi in discussione

Arena - Ore 17:30-19:00

CLAUDIA DI CIò, RAFFAELLA PERRETTA GIORGIA CAMPANELLA, ROMINA AMENITà

Progetto “BE.ST” oltre gli stereotipi di genere

Posti ancora disponibili: 134

Dettagli

All'interno dell'I.C. R. Massa di Milano è stato sperimentato nella scuola primaria per la prima volta il modello Be.St (Oltre gi steretipi di genere) che si pone l'obiettivo di individuare e di decostruire gli stereotipi di genere nell'azione educativa ancora presenti tra gli insegnanti e nelle scuole. I  docenti hanno puntato alla sensibilizzazione dei colleghi e alla diffusione di buone pratiche che garantiscano opportunità formative ed espressive alle bambine e ai bambini.

L'incontro sarà l'occasione per conoscere più da vicino il modello Be St e sperimentare, attraverso le attività laboratoriale, quanto gli stereotipi e i pregiudizi siano presenti in tutti noi.

 

Aula rossa - Ore 17:30-19:00

SARA COSTANZO, MARIA RAMUNNO, BIMBA LANDMANN, ANTONELLA SEMILIA, ANNA DI FONZO

"Sii dolce con me. Sii gentile."

Posti ancora disponibili: 55

Dettagli

Oltre cento scuole hanno aderito quest’anno alla Settimana della gentilezza, occasione di riflessione e di rilancio di un pensare, un vivere, un essere gentile come espressione di sé.
Parole ed emozioni si intrecciano in un movimento interiore in relazione con il senso profondo del proprio agire e dell’essere insegnanti ed educatori oggi, con il desiderio di dare valore a ogni relazione umana. 
Durante l’incontro si alterneranno riflessioni, spunti, esperienze di cammino gentile a scuola, nell’arte, in educazione.  

 

7 Marzo 2020 Iscrizioni

Aula verde - Ore 10:00-11:30

PATRIZIO VIGNOLA

Apprendere ha un futuro antico

Posti ancora disponibili: 62

Dettagli

Dal Sutta del libero arbitrio di Gautama Siddartha, alla pubblicazione della voce il Parco Carlo Urbani sulla Wikipedia da parte di un plesso di scuola primaria.

La narrazione della riflessione sui fondamenti del processo d’apprendimento procede di pari passo con l’applicazione dei suoi esiti ad un progetto realizzato da una classe della scuola primaria Raffaello Sanzio di Bologna.

L’attività, condotta nel corso di un intero quadrimestre, è stata assunta come modello da Indire, Avanguardie Educative, Didattica per scenari.

Aula rossa - Ore 10:00-11:30

FEDERICA CIRIBì

Educare alla bellezza col metodo Diario Visivo

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

Diario Visivo è un metodo avente come obiettivo l’attivazione della creatività nell’adulto e nel ragazzo per accompagnarli nel proprio percorso di crescita e cambiamento. Il fondamento teorico di questo metodo poggia sulla convinzione che tutti gli esseri umani siano dotati di pensiero creativo e che sia necessario aumentare gli stimoli visivi per favorire le connessioni tra conoscenze pregresse ed esperienze in atto, al fine di allargare gli
orizzonti, superare i propri limiti e innescare positivi e consapevoli processi di cambiamento. Il metodo trova favorevole applicazione e sbocco in ambito scolastico, specie nella didattica dell’arte.

Sala arancione - Ore 10:00-11:30

FRANCESCA FREDIANI

Mappe narrative dei territori quotidiani

Posti ancora disponibili: 28

Dettagli

La strada percorsa ogni giorno da casa a scuola racchiude un tesoro di storie ed esperienze che possono essere raccontate attraverso la scrittura, e non solo.

Come farlo?

Con quali strumenti?

Cosa significa vedere il territorio con gli occhi dei bambini?

A partire dall'esperienza di "Andata/Ritorno - I bambini raccontano Milano", progetto in collaborazione con Fondazione De Agostini, La Grande Fabbrica delle Parole fornisce spunti e strumenti da utilizzare in classe per far emergere lo sguardo dei bambini a partire dai luoghi che per loro sono significativi, e per costruire mappe insolite e preziose del territorio.

Al termine della formazione verrà consegnato il decalogo per la scrittura delle bambine e dei bambini, dieci consigli  su come avvicinare i bambini alla scrittura come mezzo di espressione e di accesso alla cultura.

Arena - Ore 10:00-11:30

ANNAMARIA CARUSO, MASSIMILIANO ANDREOLETTI, MICHELA BALCONI, RAFFAELLA SCHIRò

Tavola rotonda: VIDEOGIOCHI: ISTRUZIONI PER L’USO

Posti ancora disponibili: 117

Dettagli

Una proposta della Garante dei diritti per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Milano

Abbiamo pensato di discutere con esperti di diverse professionalità, per mettere a fuoco cosa di positivo e cosa di negativo i videogiochi possono indurre sullo sviluppo di bambine/i e ragazze/i, sia in ambito ricreativo sia in ambito didattico.

L’uso dei devices è una realtà che val la pena di utilizzare al meglio per sviluppare e valorizzare tutte le potenzialità delle menti e dei cuori di giovani che crescono.

Ne parliamo con una pediatra, una neuropsicologa dell’età evolutiva, un pedagogista e un rappresentante dell’associazione AESVI che raggruppa produttori e sviluppatori di videogiochi. Il moderatore sarà Dario Paladini, giornalista.

Piazza espositori - Ore 10:00-11:00

GERMANA VAGNARELLI

Think like a programmer

Posti ancora disponibili: 37

Dettagli
Evento realizzato a cura di R-Store

Si sente sempre più frequentemente parlare di coding, molte scuole lo stanno adottando nei loro percorsi di studio e si vuole insegnare agli alunni a “fare coding”.

Ma perché e importante il coding e perchè non dobbiamo sottovalutare le sue potenzialità?

Il coding aiuta i piccoli a pensare in modo creativo e a stimolare la loro curiosità.

Non vogliamo formare una “generazione di programmatori“ ma vogliamo educare al pensiero computazionale che è la capacità di risolvere problemi applicando la logica e ragionando sulla strategia migliore per arrivare alla soluzione.

Con l’iPad e App come Swift Playgrounds e Scratch si impara a programmare in modo interattivo semplice e divertente.

Oils lab - Ore 10:30-12:00

DILETTA COLOMBO, CHIARA BOTTANI ELISA ZAPPA

Raccontare il LIBRO NELLA GIUNGLA

Posti ancora disponibili: 30

Dettagli

Niente ricette per scegliere "i libri migliori"...solo avventure esplorative alla scoperta della biodiversità editoriale! La libreria SpazioB**K ed Elisa Zappa raccontano il progetto di formazione "Il libro nella giungla" : riflessioni e illuminazioni a partire da tre anni di esperienze, dentro e fuori dalla scuola, insieme ad adulti e ragazzi che hanno esplorato giungle di libri illustrati di tutti i tipi, di tutti gli argomenti, da tutto il mondo e di ogni epoca. Che cosa scegliamo quando siamo liberi e incontriamo la varietà?

In collaborazione con Elisa Zappa arteterapeuta ed operatrice Shiatsu, nel 2007 ha fondato l'associazione culturale Spazio Ars di Legnano. 

Piazza espositori - Ore 11:00-12:00

ALEX WARDEN

A lezione di CLIL!

Posti ancora disponibili: 43

Dettagli
Evento realizzato a cura di International House

Quali stadi di sviluppo attraversa una farfalla? Sapreste descrivere questo ciclo? E in inglese? Partecipate alla nostra dimostrazione pratica di metodologia CLIL e imparatelo con noi! Farete esperienza diretta, nei panni dei vostri studenti, di una lezione di CLIL  per scoprire come vengono insegnate in inglese alcune materie, tra cui la biologia.

Arena - Ore 11:30-13:00

LUCIA SORCE, LAVINIA PINZARRONE, VINCENZO BEVAR, SABRINA DI PAOLA, FRANCESCA BELLUCCI

#tu6scuola - Alziamo la media! Insegnanti di scuola media su metodi e esperienze che rompono le regole

Posti ancora disponibili: 121

Dettagli

Con il progetto #tu6scuola, promosso da CIAI e selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, sei città italiane - Ancona, Bari, Città di Castello, Milano, Palermo e Rovellasca - sperimentano un modello educativo inclusivo, integrato e interattivo: Otto azioni entrano nella didattica e nella vita della comunità scolastica, per stimolare la motivazione e il protagonismo dei ragazzi. Tra queste, i “Laboratori Saltaclasse” che, insieme ai professionisti di Cinemovel Foundation, diventano  “Cinegame”, racconti interattivi scritti, interpretati dagli studenti e pubblicati sulla piattaforma cinegame.eu. In un percorso che si articola nell'arco dell'intero anno scolastico, le classi si mescolano tra loro e partecipano a un laboratorio dedicato all'invenzione di storie e alla loro realizzazione audiovisiva, alternando momenti di lavoro con i docenti a momenti pratici e teorici con un team composto da regista, sceneggiatore, formatore teatrale, scenografo e tecnico audiovisivo.  

Al Salone Sfide insegnanti di alcuni degli Istituti coinvolti intervengono per raccontare e condividere buone prassi e esperienze in grado di rendere la scuola ricca di stimoli e di possibilità per tutti gli studenti.

Sala arancione - Ore 11:30-13:00

MILENA SANTERINI, LORELLA CARIMALI, ANDREA GENTILI, AGOSTINO FRIGERIO, MASSIMO CIRRI

I VALORI DELLA SCUOLA

Posti ancora disponibili: 81

Dettagli

Le parole che guidano la nostra ricerca e la nostra riflessione quest’anno sono: imparare con gli altri, insegnare con gli altri, scuola e cittadinanza, libri e libertà. Una scuola che include e una scuola che unisce.

Sono i valori centrali della scuola per un Paese democratico, valori che desideriamo mettere in luce attraverso questo convegno e le numerose testimonianze, le diverse esperienze che stiamo presentando nei seminari, nei laboratori, negli ateliers.

La scuola italiana da quarant’anni ha fatto la scelta dell’inclusione degli allievi con diverse abilità. Ha fatto la scelta della pluralità culturale: e questo pensando non solo ai nuovi italiani, alle prime o seconde generazioni, ma anche ai ragazzi italiani che sono già di per sé portatori di identità plurime e di appartenenze varie. La scuola rappresenta un importante fattore di stabilizzazione per una infanzia e un’adolescenza che vivono condizioni di precarietà e disequilibrio. 

Ancora: recenti ricerche segnalano che l’eccellenza di una scuola non è data solo dai risultati dei suoi allievi migliori, ma dalla capacità di tenere insieme l’eccellenza e la tutela. Se non abbandona studenti lungo la strada, la scuola è migliore. Conoscere e convivere è la sfida dell’eccellenza.

Questo comporta l’esigenza di ampliare i repertori didattici, di socializzare le pratiche di insegnamento, un costante confronto sui contesti di apprendimento. Da una piccola indagine svolta da Sfide, sembra che di ciò siano ben convinti gli insegnanti. 

Oils lab - Ore 11:30-13:00

GIOVANNA GIANNONE, MARZIA LUNARDI

Non solo tinkering: il mio primo libro interattivo

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

Con questo laboratorio interattivo si entrerà nel mondo della conduttività, del suono e dell’elettricità, ma non solo: molto spazio sarà riservato all’inventiva e all’uso della fantasia.

I docenti potranno dare largo spazio alla creatività nell’ideazione di un e-book con materiale di recupero attraverso attività di tinkering, saranno quindi invitati a “pensare con le mani”. L’e-book sarà reso interattivo dall’uso della scheda makey makey, capace di far dialogare il computer con qualsiasi materiale e oggetto conduttivo e  permette così di costruire “design” con i quali interagire utilizzando oggetti comuni che assumono differenti funzioni e nuovi significati.

Si consiglia ai docenti che frequenteranno il laboratorio di dotarsi del proprio computer portatile con la versione 3.0 di Scratch installata, per partecipare in modo attivo alle attività laboratoriali.

Aula verde - Ore 11:30-13:00

MARCO MARTUCCI

RADIO STORY: raccontare con la web radio, il digital storytelling e il podcast

Posti ancora disponibili: 4

Dettagli

Oggi la lettura è sempre meno praticata dai giovani. Post e storie sui Social Network sono più letti dei giornali, delle riviste e soprattutto dei libri. Un buon gradimento  si registra in favore degli audiolibri, che sono sempre più a scoltati speilmente durante il tempio speso in viaggi per lavoro. Ma come nascono le notizie, e quali sono i meccanismi di diffusione “On the Air” ? Quali sono le tecniche di di acquisizione e registrazione per poter trasferire una storia dalla carta all'etere attraverso la propria voce? Lo scopriremo insieme grazie a questo laboratorio.



Aula rossa - Ore 11:30-13:00

STEFANIA BASSI

Rodari 4.0

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

La sfida: sperimentare sul cloud le tecniche di invenzione narrativa di Gianni Rodari, creando “binomi fantastici” con i nostri smartphone.In occasione dei 100 anni dalla sua nascita, un workshop dedicato all’autore de  “La grammatica della fantasia”, per riflettere giocando sull’attualità del motto rodariano:  “Tutti gli usi della parola a tutti. Non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo”..

Idee, risorse e strumenti, per far conoscere Rodari ai nativi digitali.

Piazza espositori - Ore 12:00-13:00

BENIAMINO DANESE

Esperimenti scientifici con materiali semplici

Posti ancora disponibili: 7

Dettagli
Evento realizzato a cura di Reinventore

In quest'ora il prof. Beniamino Danese mostra una serie di esperimenti con materiali semplici che si possono effettuare direttamente in classe, su scienze / tecnologia / astronomia / corpo umano, anche su temi a richiesta degli insegnanti presenti. Sono tratti dall'esperienza di Reinventore, una società che si propone come una sorta di assistente di laboratorio (anche online), che fornisce idee e racconti di storia della scienza e prepara scatole di materiali e libri per fare esperimenti in classe: sia esperimenti che ogni alunno svolge personalmente sul proprio banco, sia esperimenti "dalla cattedra", con i quali si possono coinvolgere gli alunni a rotazione.

Piazza espositori - Ore 14:00-15:00

ROBERTO VITALI

Come fare la didattica inclusiva con le mappe concettuali online di supermappex

Posti ancora disponibili: 35

Dettagli
Evento realizzato a cura di ANASTASIS COOPERATIVA SOCIALE

Partecipando al workshop imparerai:

Come e perché le mappe nella didattica sono efficaci

A Fare Didattica Inclusiva ma anche Cooperativa e Flipped con le mappe online

Come creare le mappe in modo facile ed utile

A gestire sia la didattica che lo studio a casa in modo efficace condividendo le mappe

A usare gli strumenti per l'inclusione: fare le mappe con la voce e ascoltarle in audio

Aula verde - Ore 14:30-16:00

ANNARELLA PERRA

Cross - lettura, cross-scrittura e tecnologia

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

Attività e strumenti per coniugare il piacere della lettura/scrittura con le potenzialità della tecnologia in un mondo di libri da fruire e da condividere all’insegna dell’innovazione.

Oils lab - Ore 14:30-16:00

ALFONSINA CINZIA TROISI

Digital music con CODYQR

Posti ancora disponibili: 4

Dettagli

Attraverso l’utilizzo del tappeto di CodyRoby, il pubblico viene stimolato ad individuare la sequenza giusta delle note per ricostruire una melodia ascoltata inizialmente, ricercandola attraverso la scansione dei qrcode posti sul tappeto. Questa ricerca  richiede di mettere in campo abilità trasversali di problem solving e permette di familiarizzare con alcuni concetti e simboli di programmazione, quali ad esempio le strutture “ripetizione” e “loop”, presenti tanto nel coding che nella notazione musicale.

Laboratorio per docenti; è richiesto un lettore di QR code nel proprio smartphone.

Sala arancione - Ore 14:30-16:00

LICIA LANDI

Imparare insieme a 360° per includere

Posti ancora disponibili: 51

Dettagli

Il workshop propone, attraverso la presentazione dell’esperienza concreta di una classe, una esemplificazione delle potenzialità didattiche del learning together nella narrazione con la realtà virtuale, ai fini dell'inclusione di studenti stranieri. Nel laboratorio verranno affrontati praticamente i passaggi di un progetto in un ambiente di apprendimento virtuale creativo, con immagini a 360°.

Arena - Ore 14:30-16:00

M GRAZIA DEMARIA ANGELA IZZUTI LUCA AZZOLLINI SABINA MINUTO ANNAMARIA ZERBONI

La formazione tecnico-professionale cosa offre oggi? che cosa chiede?

Posti ancora disponibili: 139

Dettagli

Da alcuni anni è in corso una riflessione e un serio lavoro di rivalutazione di questi ordini  di scuola, spina dorsale per la tenuta e lo sviluppo dell’industria italiana, e quindi del livello di benessere del Paese. 

Un primo handicap la formazione tecnica e professionale deve superarlo in terza secondaria di primo grado, in sede di Orientamento: se sei bravo a scuola, e cioè se sei bravo in italiano e matematica, vai al liceo. Un altro svantaggio è di tipo socio-culturale: la mentalità generale considera gli istituti tecnici e professionali scuole poco prestigiose e quindi di ripiego. La recente riforma dei professionali del 2017 (DL 61) ha introdotto tante novità quali un approccio interdisciplinare e una metodologia laboratoriale, ma non sufficienti a scardinare l’idea che esse siano scuole di serie B.  La terza causa riguarda lo stato dell’istruzione tecnica superiore. Da anni in Italia esiste un problema irrisolto, e cioè creare un biennio o un triennio di istruzione tecnica superiore professionalizzante (post-scolastica): l’attivazione dei corsi IFTS attualmente è gestita dalle Regioni, nell’ambito delle loro competenze esclusive in materia di programmazione dell’offerta formativa e siamo ben lontani dall’avere standard comuni. L’università inoltre ha fortemente contribuito a soffocare l’autonomia di una possibile istruzione tecnica superiore. La sperimentazione avviata nel 2010 degli ITS (Istituti tecnici superiori) serve moltissimo, ma rimane ancora con numeri di iscritti troppo bassi. Se non vediamo nell’alta formazione tecnologica una fonte di approvvigionamento di risorse indispensabili, non ce la faremo. Al suo sviluppo è condizionato il futuro del nostro Paese. D’altra parte, viene letto come un segnale di ripresa della formazione tecnico-professionale proprio l’aumento delle iscrizioni all’università dei diplomati che escono da queste scuole (dal 22,7% dell’a.a. 2011/12 al 26% dell’a.a. 2017/18, fonte Ufficio Stampa Consiglio Naz. Periti). Anche se i dati delle iscrizioni sono ancora lontani dagli anni Novanta e dall’inizio secolo, quando oltre il 44% dei diplomati e il 35% delle matricole universitarie proveniva dai tecnici. I numeri stanno lentamente cambiando e sembrano dare ragione a chi in tutti questi anni ha lavorato per migliorare la didattica, l’attenzione ai ragazzi, l’innovazione tecnologica, i rapporti con le imprese. Tutto in concomitanza forse con una più avvertita consapevolezza dell’importanza del ruolo che la formazione tecnica e professionale assume per l’economia del nostro Paese. C’è un margine per incentivare socialmente gli istituti tecnici e professionali: esso serve per moltiplicare i posti di lavoro e mettere in giusto rilievo la dignità e la grandezza del “fare”. Ci sono esperienze di provata eccellenza che consentono l’acquisizione di competenze strategiche, in un contesto di inclusione, e in una prospettiva direttamente legata al lavoro, senza dimenticare l'istruzione umanistica!

Crocevia di queste dinamiche sociali e formative, la formazione tecnico-professionale oggi cosa può offrire? E cosa chiede?

Ne parliamo con alcuni dei protagonisti che in questi anni hanno condotto esperienze di eccellenza e quindi ben conoscono problemi e prospettive di miglioramento.

Aula rossa - Ore 14:30-16:00

FEDERICA BUGLIONI, PATRIZIA BUONORA, CATERINA GUFFANTI, MONICA TAMBURRINI

MANGIARE A SCUOLA: il cibo in classe

Posti ancora disponibili: 37

Dettagli

Un FOOD TALK a Sfide, per raccontare le buone pratiche che vale la pena diffondere per ripensare la relazione ‘educazione - cibo’.  

Nella vita dei bambini, il cibo è il più interdisciplinare dei materiali. Accende l’interesse per la scienza, la storia, il linguaggio e l’ambiente; permette di realizzare percorsi didattici che uniscono conoscenza, affettività, immaginazione, esperienza sensoriale, scoperta di sé e dell’altro. Quando non chiudiamo gli alimenti nell’ambito dell’educazione nutrizionale, allora ci apriamo a uno sguardo diverso e il cibo acquista valore, torna a essere un bene primario, portatore di contenuti, stimoli e simboli. Con un pizzico di teoria e tanti esempi pratici di attività realizzate nella scuola pubblica (infanzia e primaria), racconteremo come uova, frutta e legumi, da semplici oggetti commestibili, sono diventati strumenti per esplorare il mondo e per stabilire un legame tra la salute della persona e quella del pianeta.

Arena - Ore 16:00-17:30

SABINA MINUTO, ELISA GOLINELLI

Amano leggere. Sanno scrivere.

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

Una presentazione -laboratorio  in cui sarà possibile sperimentare una delle tecniche più importanti del WRW: la minilesson. 

Per chi vuole cominciare a lavorare con la  metodologia del Writing e Reading Workshop,  ormai usata in Italia da molti docenti, sarà presentata una guida da Elisa Golinelli e Sabina Minuto, autrici del libro “ Amano leggere. Sanno scrivere” .

Piazza espositori - Ore 16:00-17:00

ANDREA MARICELLI

Apple Education - Dall’infinitamente grande all’infinitamente piccolo (Accessibilità e inclusione, creatività, AR)

Posti ancora disponibili: 53

Dettagli
Evento realizzato a cura di C&C

In questo workshop approfondiremo l’incredibile accessibilità dei prodotti Apple e Pearson, percorrendo una strada che ci porterà dagli atomi allo spazio profondo attraverso i più innovativi contenuti editoriali scientifici e i più efficaci strumenti digitali: libri liquidi, funzioni di accessibilità ed inclusione, realtà aumentata sono solo alcuni dei punti che toccheremo, d’altronde... Il cielo è il limite. 

Sala arancione - Ore 16:00-17:30

LIBORIO CALì

Coniugare il Service Learning a Scuola Territorio e Cittadinanza

Posti ancora disponibili: 68

Dettagli

Il workshp si apre con la presentazione della cornice teorica del Service Learning e la narrazione di esperienze didattiche realizzate.allo scopo dii valorizzare il territorio e progettate secondo il seguente modello:

  • analisi di un bisogno presente nella comunità.
  • progettazione di un intervento didattico con la realizzazione di esperienze di cittadinanza attiva
  • restituzione alla comunità con una soluzione del problema o del bisogno di partenza

 Il workshop prosegue con una attività laboratoriale in cui i partecipanti  potranno sperimentare l'utilizzo dei Codici QR come strumenti per  il Service Learning.

     

    Aula verde - Ore 16:00-17:30

    WIKIMEDIA ITALIA

    Creare mappe con OpenStreetMap, la Wikipedia delle mappe

    Posti ancora disponibili: 61

    Dettagli

    OpenStreetMap (OSM), la "Wikipedia delle mappe", è un progetto collaborativo finalizzato a creare mappe a contenuto libero dell'intero pianeta ed è sempre più utilizzata in applicazioni di ogni tipo. Analogamente a Wikipedia, che ha rivoluzionato il modo d'informarsi in rete, OpenStreetMap ha decine di migliaia di contributori (mappatori) che ogni giorno in tutto il mondo aggiungono o migliorano le mappe condividendo le proprie conoscenze del territorio.

    In classe l'utilizzo di OpenStreetMap permette una didattica innovativa, attiva e collaborativa dove sperimentare e consolidare competenze digitali, collegandole alla geografia e alla geometria, e competenza trasversali e di cittadinanza attiva. In questo workshop i docenti, muniti del proprio pc, sperimenteranno la mappatura di aree remote del nostro pianeta a fini umanitari,
    un'attività di alto valore etico che può essere replicata in classe.

    Oils lab - Ore 16:00-17:30

    GIUSEPPINA CANNELLA, GIUSEPPINA RITA JOSE MANGIONE, MICHELLE PIERI, INDIRE PROGETTO "PICCOLE SCUOLE"

    Le piccole scuole insegnano! Un Movimento nazionale per fare della piccola scuola un laboratorio di innovazione.

    Posti ancora disponibili: 26

    Dettagli

    Il workshop vuole essere un momento di confronto attivo con i docenti e dirigenti e l'occasione per mostrare come la piccola scuola può innovare in termini didattici e organizzativi.

    Verrà presentato il Movimento delle Piccole Scuole  e discusso, anche attraverso la visione di casi di piccole scuole innovative, il Manifesto e i principi intorno a cui oggi si riconoscono circa 300 istituti (e oltre 1200 plessi). Il lavoro del gruppo INDIRE caratterizzato dalla rilevazione del profilo della piccola scuola italiana e  di metodi in grado di cambiare l'offerta educativa nei contesti più fragili, così come nell'accompagnare i docenti tramite percorsi di formazione e sperimentazione, viene restituito attraverso la testimonianza di alcuni docenti e dirigenti e al contempo attraverso  "I Quaderni delle Piccole scuole". "Storie", "Strumenti" e "Studi" verranno richiamati dai Ricercatori per mostrare "tracce di cambiamento" facendo  del raccordo con il territorio, dell'esperienza della pluriclasse e della distanza elementi chiave da cui ripartire per costruire pratiche innovative e in grado di restituire alla piccola scuola una identità di presidio culturale a cui non rinunciare. 

     

    Riferimenti

    Sito del Movimento delle Piccole Scuole  http://piccolescuole.indire.it/

    Per aderire al Movimento  http://piccolescuole.indire.it/il-progetto/aderisci/

     

    Aula rossa - Ore 16:00-17:30

    CLAUDIA PALTRINIERI, SANDRA COCCO, GIAMPIERO MONACA

    MANGIARE A SCUOLA, le strategie anti-spreco

    Posti ancora disponibili: 49

    Dettagli

    Un FOOD TALK a Sfide, per raccontare le buone pratiche che vale la pena diffondere per ripensare la relazione ‘educazione - cibo’.

    Il 29,5% del cibo in mensa viene buttato. La stessa proporzione si registra a livello globale con circa 1,3 miliardi di tonnellate di alimenti gettati ogni anno, che corrispondono a un terzo del cibo prodotto.La necessità di adottare misure per ridurre gli sprechi a scuola è importante per migliorare la sicurezza alimentare e nutrizionale dei bambini e per ridurre la pressione sulle risorse naturali e sul clima. Responsabilizzare tutti gli attori che ruotano intorno alla mensa scolastica è il primo passo per affrontare il problema. Tra gli esempi più concreti e facilmente replicabili proposti, ci sono due storie raccontate attraverso l’intervento di due insegnanti Sandra Cocco, di Chieti, e Giampiero Monaca, di Asti, che sono stati capaci di insegnare ai bambini il valore del pasto e di trovare soluzioni per trasformarlo in risorsa.

    Cantieri - Ore 16:00-17:30

    AURORA MANGIAROTTI, ROSANGELA MAPELLI

    PUPPET SHOW episodio 2: le creazioni si illuminano

    Posti ancora disponibili: 25

    Dettagli

    Dopo quello del 2019, un nuovo appuntamento per bambini, famiglie, docenti della scuola dell'infanzia e primaria. Laboratorio di tinkering dedicato alla creazione di oggetti, animaletti,  pupazzetti  con materiali poveri e circuiti elementari. 

    Piazza espositori - Ore 17:00-18:00

    GIAN MARCO MALAGOLI

    L'abaco Soroban: l'arte del calcolo veloce e preciso nell'infanzia e nella primaria

    Posti ancora disponibili: 42

    Dettagli
    Evento realizzato a cura di Sapyent

    Sono noti da decenni in letteratura gli effetti della didattica basata sull’abaco giapponese Soroban, strumento che consente nei bambini in età evolutiva – oltre al potenziamento delle abilità di calcolo sulle quattro operazioni fondamentali – anche lo sviluppo di importanti funzioni cognitive quali, tra le altre, la memoria di lavoro, la memoria visiva ed uditiva, l’abilità di visualizzazione del numero e delle quantità, la concentrazione, la capacità di ascolto e la motricità fine. In particolare, gli studi dimostrano come il Soroban sviluppi proprio le capacità nel calcolo mentale e che molto forte è il legame tra calcolo mentale e cognizione numerica, quest’ultima definita sia come la capacità di comprendere ed interpretare i numeri e le operazioni, sia come quella di utilizzare tale conoscenza in modo flessibile per poter padroneggiare situazioni problematiche di tipo numerico. La strategia didattica MagicoAbaco adatta alla scuola italiana le tecniche delle scuole giapponesi ed asiatiche mantenendone e rinforzandone con la metacognizione la grande efficacia formativa, come testimoniano gli insegnanti che l'hanno adottato da più anni in oltre 150 classi di tutta Italia.

    Aula verde - Ore 17:30-19:00

    PAOLO QUADRINO

    Convegno su l'Educazione Civica

    Posti ancora disponibili: 45

    Dettagli

    L’Educazione Civica è la nuova materia con voto autonomo che la nuova Legge 92/2019 ha introdotto a partire dal prossimo anno scolastico 2019/2020 con 33 ore annuali. Si tratta di un insegnamento trasversale per ogni grado scolastico che affronta tematiche non soltanto riguardanti Costituzione, Istituzioni o organismi internazionali, ma si estende ad ambiti quali Agenda 2030, cittadinanza digitale, elementi di diritto del lavoro, educazione ambientale, patrimonio culturale, educazione alla legalità, contrasto alle mafie e formazione in materia di protezione civile. Durante l’incontro verranno analizzate le opportunità e le criticità di questa nuova materia che vuole formare cittadini responsabili, attivi e consapevoli alla vita civica, culturale e sociale.

    Arena - Ore 17:30-19:00

    GIORDANO GOLINELLI, CARLO GUAITA, LAURA MOLINAI, ELEONORA PUDDU, ALICE ACCARDI

    Il lato C. Come valutare le competenze di cittadinanza contro il cambiamento climatico

    Posti ancora disponibili: 118

    Dettagli

    I progetti scolastici di Educazione alla cittadinanza globale hanno come obiettivo comune quello di modificare attitudini e comportamenti rispetto ai grandi temi mondiali. È un compito arduo ma non estraneo a quello della scuola in generale, che non ha il solo obiettivo di insegnare, ma anche quello di educare a essere cittadini. E questo è difficile in entrambi i casi. Soprattutto è difficile misurare e valutare il livello di “buona cittadinanza” acquisito. Per quanto in caso di temi rilevanti - come il cambiamento climatico - sia sempre utile dire e fare qualcosa, ci si chiede cosa resti di quel che si è fatto, se i giovani siano poi in grado di mettere in atto il cambiamento. L’incontro vuol presentare alcune esperienze innovative di educazione alla cittadinanza globale attiva e confrontarsi (anche con i partecipanti) su un modello di valutazione delle competenze di cittadinanza acquisite, attualmente in fase sperimentale.

    Sala arancione - Ore 17:30-19:00

    PIERO DE LUCA, PAOLA COTTICELLI

    Il Pensiero Politropico: strategie di apprendimento metacognitivo per una Educazione alla Cittadinanza Globale

    Posti ancora disponibili: 70

    Dettagli

    L’Educazione alla Cittadinanza Globale è la chiave per sviluppare nei giovani il senso di appartenenza a una comune umanità a livello globale. L’ambizione è quella di formare cittadini del mondo, capaci di rispettare se stessi, gli altri e la natura di cui sono parte; renderli responsabili del loro agire e consapevoli della necessità di creare un mondo più giusto e più equo attraverso alcuni processi formativi essenziali, come lavorare per destrutturare le false conoscenze ed i pregiudizi, educare alla flessibilità cognitiva, educare alla complessità del reale, sviluppare nuove narrazioni del mondo, valorizzare la pedagogia dell’errore, educare al valore della differenza. Questa visione dell’Educazione presuppone però anche un approccio didattico radicalmente nuovo, incentrato su una didattica metacognitiva che coniughi il pensiero verticale, legato alla logica classica, con il pensiero laterale vicino alle teorie di E. De Bono. Il primo mette in guardia dal pericolo sociale di un ragionamento induttivo tipo “Gli italiani sono tutti mafiosi!”, o spiega, il paradosso di una frase come “Non sono razzista, però…”; il secondo aiuta a liberarsi strutturalmente dal pre-giudizio e a riguardare ogni volta le situazioni, da una nuova prospettiva. A questa particolare frontiera dell’Educazione è stato dato il nome di pensiero POLITROPICO, un chiaro omaggio all’Ulisse politropo, uomo dall’ingegno versatile, virtuoso e affamato di conoscenza, che rischia la vita per solcare nuove strade non ancora battute, volgendo il suo ingegno flessibile nelle direzioni più disparate e che attraverso la cooperazione con i suoi simili è in grado di sviluppare autonomia e resilienza ai mali e alle minacce del mondo.

    Oils lab - Ore 17:30-19:00

    CESARE BENEDETTI, GERMANA VAGNARELLI

    Il Podcast come contenitore culturale d’istituto

    Posti ancora disponibili: 22

    Dettagli

    Molti realizzano video e li condividono in rete. La gestione di un podcast scolastico permette di indirizzare i nostri studenti alla creazione di contenuti culturali e non soltanto ludici. Videolezioni, report, esperimenti, uscite didattiche. Tutto ciò che avviene in ambito scolastico può essere organizzato in un canale comunicativo coerente, sviluppabile e gestibile dagli studenti.

    I video didattici sono utili nell’apprendimento poiché garantiscono diffusione e inclusione; demandare la parte operativa per la creazione di podcast ai ragazzi sviluppa la motivazione e la creatività, mettendoli nel ruolo di “autori”, delineando incarichi, responsabilità e facendoli sentire parte di un processo culturale.

    Le consuete attività in rete possono trovare nuovi sviluppi e valenze attraverso il podcast.

    Proviamo dunque a utilizzare video senza problemi, per lezioni e documentazione, condividiamo sui social e sui siti personali degli studenti, organizziamo staff tecnici, formati da alunni, totalmente in grado di gestire il processo creativo, sia nella scuola primaria che nella scuola secondaria inferiore.

    Di più: la metodologia favorisce la didattica in verticale… 

    Fare podcast è decisamente alla portata di tutti.

     

     

    Aula rossa - Ore 17:30-19:00

    CATERINA GIANNOTTI, MARIA PIA MONTAGNA, MASSIMO GONZATO

    Il potenziale espressivo della scrittura a mano

    Posti esauriti

    Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

    Dettagli

    L’intervento formativo dedicato al potenziale espressivo della scrittura a mano offre l’opportunità di raccogliere spunti per le attività in classe, e di sperimentare pratiche seguendo e interpretando le indicazioni offerte dal libro “Lascia il segno” libro-manuale di Monica Dengo. “Nel corso del nostro workshop – spiegano Caterina e Maria Pia– ci potremo fare, come dice Monica Dengo, ‘un’idea nuova della scrittura a mano. Percorreremo nuovi sentieri, nuovi territori. Esploreremo forme, spazi, equilibri. Per farlo non serve alcuna preparazione specifica. Anzi, chi non conosce nulla di questa pratica e delle sue convenzioni, si divertirà ancora di più, perché troverà tutto nuovo e decisamente stimolante.

    Intervento laboratoriale rivolto a docenti di scuola secondaria di primo grado

    Piazza espositori - Ore 18:00-19:00

    ELENA PEDRAZZOLI, ADRIANA ESPOSITO, SIMONA FIORENTINO

    Matematica favolosa con il coding per sviluppare il pensiero computazionale

    Posti ancora disponibili: 41

    Dettagli
    Evento realizzato a cura di Anicia Edizioni

    Matematica Favolosa è un progetto didattico per il secondo ciclo della scuola primaria, per sviluppare - attraverso attività didattiche insolite, esercizi specifici e suggerimenti per gli insegnanti - il pensiero computazionale. Abilità che andrebbe incrementata fin dall’infanzia, a scuola, perché aiuta a pensare meglio, in modo originale e mai ripetitivo. Il percorso didattico proposto utilizza strumenti utili, flessibili e ludici  per le attività di ogni giorno nell’insegnare la matematica. A questo scopo, il filo conduttore sono le avventure di Mister Ram, Chip e Microp, che accompagnano i bambini durante le attività e gli esercizi pensati per sviluppare il pensiero computazionale

    8 Marzo 2020 Iscrizioni

    Sala arancione - Ore 10:30-12:00

    ANNA NERVO

    Dalla primaria al CPIA: insegnando si impara

    Posti ancora disponibili: 91

    Dettagli

    Passare dalla scuola primaria alle classi del CPIA è stata una sfida importante nel mio percorso professionale. Ho insegnato per anni in un istituto comprensivo dove la tecnologia è di casa e mi sono formata sperimentando in classe metodologie innovative e strumenti digitali. L'anno scorso ho deciso di cambiare. Ho insegnato per un anno al CPIA2 dove la tecnologia spesso è assente, ma è molto alto il livello di umanità che si incontra negli occhi degli alunni, immigrati dai 16 ai 70 anni. Ora faccio parte dell’équipe formativa territoriale in Piemonte. Racconto la mia esperienza di docente per condividere risorse digitali e non, metodologie e pratiche didattiche, opportunità e idee da applicare nel campo educativo e dell'Italiano L2 con gli adulti e con i ragazzi. 

    Aula rossa - Ore 10:30-12:00

    CARMELO FARINELLA, MAURIZIO ANSELMO GAVAZZONI

    Elaborazioni Multi Sensoriali (EMS)

    Posti ancora disponibili: 3

    Dettagli

    La promozione della molteplicità dei linguaggi trova un canale privilegiato nell’esperienza sonoro-musicale. Quest’ultima, oltre ad essere un eccellente veicolo per la stimolazione sensoriale, può consentire lo sviluppo e il miglioramento delle prestazioni cognitive. Con particolare attenzione ai bisogni educativi speciali, la musica può supportare i prerequisiti e le abilità di lettoscrittura, il calcolo logico-matematico, la motricità fine, l’autoregolazione, le capacità relazionali.

    Le elaborazioni multi sensoriali musicali abbattono la settorialità delle discipline e pongono l’alunno al centro di un percorso di apprendimento significativo...

    …e così intensamente efficace da consentire di avvicinare piacevolmente i bambini all’esperienza scolastica, avviandoli ai saperi attraverso una stimolante esperienza ludico-musicale di carattere interdisciplinare, incentrata su stimolazioni sensoriali e percettive capaci di guidare all’espressione cognitiva e alla razionalità. Nel contempo permetterà agli educatori della Scuola dell’Infanzia di realizzare un avvincente e vincente raccordo con la Scuola Primaria, costruendo per i bambini un facile ponte verso la lettoscrittura, il calcolo logico-matematico, la psicomotricità fine e l’autoregolazione. Altrettanto efficacemente permetterà agli insegnanti della Primaria di accompagnare gli allievi nel percorso formativo utilizzando pratiche attive che favoriscano il superamento di eventuali difficoltà negli ambiti linguistico, logico, motorio, espressivo e relazionale.

    Aula verde - Ore 10:30-12:00

    LEONARDO MENEGOLA

    Gestire efficacemente l’aula attraverso la sensorialità e la comunicazione non-verbale. Scienza e arte dell’espressione creativa per un metodo didattico-educativo di successo

    Posti esauriti

    Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

    Dettagli

    Immaginiamo una classe difficile. Uno o due allievi con caratteristiche comportamentali complesse, sfidanti. L’insegnante non sente riconosciuto da parte dei ragazzi il suo ruolo adulto, didattico, educativo. Il risultato? Un vissuto di frustrazione e dispiacere. Possibili frizioni, conflitti. L’insegnante tenta di simulare un’accettazione rassegnata, o d’incolpare i ragazzi, o di auto-seppellirsi con sensi di colpa. In una spirale negativa di aspettative e di comportamenti.

    E se invece vi fosse un modo per riuscire ad esprimere potenzialità, a completare obiettivi, costruire con la classe un sistema di comunicazione ed una cornice relazionale incentrata su benessere ed efficacia? Quel modo c’è. Per chi ama la complessità e la teoria, ma anche per chi ricerca la semplicità e la pratica. Ci soccorre con esempi concreti e un modello l’antropologia cognitiva, che parte dall’analisi di qualche decisivo aspetto sensoriale, non verbale e simbolico delle interazioni insegnante-alunni. Per riscoprire un modo salutare ed efficace di essere insegnanti.

    Sala blu - Ore 10:30-12:00

    TIZIANO PERA

    La SCUOLA-ORCHESTRA: per una didattica armonica e condivisa

    Posti ancora disponibili: 112

    Dettagli

    .La scuola di oggi si cura della quantità degli apprendimenti più che della loro qualità che sembra essere ostacolata dalla confusione lessicale (con cui si comunica la didattica disciplinare), dall’isolamento socio-culturale degli insegnanti e dal poco tempo per sviluppar curricoli funzionali alla competenza degli allievi. Da qui l’idea di recuperare un vocabolario intersoggettivo che qualifichi le relazioni tra docenti e allievi e famiglie. La tesi che verrà argomentata è che “la Scuola o è un'orchestra o, semplicemente, non è”: Solo un lavoro d’equipe può infatti produrre le armonie necessarie alla crescita responsabile degli allievi come cittadini artefici del loro futuro.
    Il contributo, frutto di una ricerca ormai matura, proverà a rispondere ai seguenti tre interrogativi:
    1) Qual è il vocabolario comune da usare tra noi insegnanti?

    2) Quale didattica ci occorre per “respirare” la vita?

    3) Quale didattica può offrirci una "valutazione"; armonica? Vedremo alcune risposte concrete per costruire una “comunità educante".

    Oils lab - Ore 10:30-12:00

    FEDERICA SCARRIONE

    Luci, suoni, movimento: il robot che fa il nostro gioco!

    Posti ancora disponibili: 32

    Dettagli

    Un laboratorio per ragazzi in cui  impareremo a:

    • conoscere alcune componenti hardware di un robot

    • programmare alcune azioni del robot in un linguaggio semplice e intuitivo

    • lavorare a piccoli gruppi per portare a termine un piccolo progetto e migliorarlo

    • sfidarci simpaticamente alla ricerca della soluzione più efficace

    I partecipanti devono portare con sé un notebook personale, dotato di alimentatore e mouse. In questo modo il software e il lavoro resteranno a loro disposizione anche dopo l’evento.

    Età consigliata 9-12

    Le iscrizioni sono a cura dei genitori.

    Arena - Ore 10:30-12:00

    MARCO GERONIMI STOLL

    Marketing, non mi avrai!

    Posti ancora disponibili: 135

    Dettagli

    Tre resistenze giocose al consumismo che ci consuma

    Il consumismo, che ci spinge a dissipare materie prime ed energia, è il principale vettore motivante della crisi climatica ed ambientale.
    Le persone soddisfatte non consumano; il marketing funziona rendendoci insoddisfatti per quello che abbiamo e quello che siamo.
    Lo fa, per statuto, “dalla culla alla tomba”. 

    La scuola deve ogni giorno competere (sic) con questa “educazione” molto più pervasiva, sleale e immaginifica. Lo sa ogni genitore, lo sa ogni insegnante. Parleremo di capricci nel carrello, di crisi ad ogni pasto, dei giocattoli nei cartoni, di invecchiamento infantile, di immaginario colonizzato. 
    L’atelier raccomanda tre strategie giocose:
    1. io sono bello di default, strategie per piacersi;
    2. la mia bici è meglio di una Ferrari, strategie per sentirsi forti;
    3. rallento quindi immagino, strategie per l’immaginazione profonda.

    Piazza espositori - Ore 11:00-12:00

    CATERINA AMARITI, PAOLA CARPEGGIANI

    La scrittura creativa visiva, con la cancellatura, dà voce, racconta silenzi, raccoglie le parole. Scrivere cancellando è un atto creativo!

    Posti ancora disponibili: 40

    Dettagli
    Evento realizzato a cura di ANPE - Associazione Nazionale Pedagogisti Italiani

    La Erasure Poetry è una forma di scrittura artistica e poetica che dona nuovi significati a partire da un testo pre-esistente. Le parole ci raggiungono e si ricompongono in un testo poetico a nostra misura. Agendo per eliminazione del superfluo creiamo qualcosa di nuovo, di intimo e riflettente. Ci rispecchiamo in un componimento dando voce alle nostre emozioni e trasformandole in segni tangibili su cui posare lo sguardo ribaltando la prospettiva e scorgendo nuovi significati. Parole trovate, dissotterrate e rivestite di nuovi ed autentici alfabeti emotivi.

    Oils lab - Ore 12:00-13:30

    SIMONA LAMONACA

    Giornalismo e comunicazione a scuola per la formazione di lettori consapevoli

    Posti ancora disponibili: 33

    Dettagli

    Fake news diffuse con grande rapidità, notizie fraintese, incapacità di argomentare le proprie idee e quindi facile diffusione di offese gratuite: questa realtà è purtroppo ben nota a tutti... 

    Fra le sfide che la scuola di oggi deve urgentemente affrontare c'è quella di riuscire a formare dei lettori di notizie consapevoli, e più in generale dei fruitori attenti di contenuti di qualsiasi tipo, dato che la comunicazione non passa solo attraverso notizie scritte, ma sempre più anche attraverso video-notizie, spot, campagne promozionali, ecc. Ecco dunque che fare giornalismo e comunicazione a scuola significa rendere i ragazzi produttori attivi di notizie e di messaggi di vario genere, in grado di comprendere dal di dentro che cosa significa controllo delle fonti, verifica dei diritti sui contenuti, precisione nel dare una notizia argomentata attraverso fatti. Avere infatti una conoscenza diretta di tutto ciò che sta dietro alla produzione dei contenuti aumenta di conseguenza la capacità critica di fuizione degli stessi. 

    Oggi che la scuola è sempre più laboratorio attivo capace di sviluppare competenze, bisogna passare per “il fare” per offrire agli adulti di domani le competenze fondamentali per orientarsi nel mondo sempre più complesso della comunicazione.

    Aula rossa - Ore 12:00-13:30

    LUCIANA BERTINATO, ROBERTO PAPETTI

    Io, tu, noi, Pacifici perché la pace si fa insieme

    Posti ancora disponibili: 16

    Dettagli

    Dai giocattoli di Pace ai piccoli personaggi che rappresentano ognuno di noi, il progetto "La
    carovana dei Pacifici" è un percorso per cercare insieme come nascono i conflitti a partire
    dal quotidiano, come si possono accogliere e affrontare, come si testimonia la pace, come
    si può rifiutare l’enormità delle guerre, come ci si può sentire in cammino pacifico con
    tanti bambini e adulti in tutto il mondo.

    Aula verde - Ore 12:00-13:30

    MARIA RITA MANZONI

    La Crosslesson: un modello di didattica digitale tra realtà virtuale e gamification

    Posti esauriti

    Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

    Dettagli

    Si presenterà una lezione costruita attraverso attività di gamification (escape room e caccia al tesoro) che trasformano  i compiti di apprendimento in sfide emozionanti atte a favorire la ricerca, lo sviluppo dell'information literacy, e il cooperative learning, nonché lo sviluppo di competenze di problem solving. Nella fattispecie, a partire da un video che contiene un piccolo mistero si cercherà di ricostruire la vicenda di un personaggio "misterioso" utilizzando la geolocalizzazione. Sarà l'occasione per esplorare le potenzialità dei video 360°, di Google Earth e dell'applicazione Tourbuilder ad esso correlata, nonché dell'applicazione Paneek. Si mostreranno i siti dove reperire i materiali per integrare la VR nella prassi didattica. Si rifletterà con i partecipanti sul modello di Crosslesson come possibilità di integrazione del digitale nella normale prassi didattica.

    Arena - Ore 12:00-13:30

    CRISTIANO PRAVADELLI, PAOLO LONER

    Lo sport allena la scuola

    Posti ancora disponibili: 137

    Dettagli

    Cosa può insegnare lo sport alla scuola? 

    Che contributo di miglioramento può offrire una disciplina apparentemente centrata allo sviluppo e alla cura delle performance del corpo ad una che sembra tutta orientata allo sviluppo della testa? 

    Molto di più di quello che sembra perché sport e scuola condividono lo stesso interesse per il medesimo soggetto: l’allievo.  

    Nell’ottica della contaminazione dei saperi, in questo incontro, useremo i piani di allenamento e le conoscenze provenienti dall’allenamento alla performance sportiva per parlare di formazione, sviluppo, crescita ma soprattutto di miglioramento del capitale umano. In questo incontro, nello specifico, parleremo delle quattro aree di sviluppo tanto care al mondo dello sport: quella tecnica, quella tattico/strategica, quella fisica e quella mentale e spiegheremo come e perché sia importante, oggi, allenarle anche all’interno del contesto scolastico. L’incontro avrà la forma del workshop nel quale a spiegazioni tecniche si alterneranno esperienze pratiche.

    Sala blu - Ore 12:00-13:30

    LAURA GALIMBERTI, FRANCESCA CAPOLUNGO, ELENA SPOSITO, STEFANO LAFFI [MODERATORE], ANNA OPPIZZI, LAURA POMARI, TERESA TORRES TRELLES

    Progetto PRIMI PASSI: Alleanze e sperimentazioni per i cittadini di domani

    Posti ancora disponibili: 129

    Dettagli

    Cosa vuol dire innovare i Servizi all’Infanzia, allearsi tra professionalità differenti per mettere al centro i più piccoli della città e costruire una rete solida tra pubblico e privato con il coinvolgimento della comunità educante?

    Il progetto Primi Passi. Polo sperimentale per la prima infanzia, finanziato dell’Impresa sociale Con i bambini, ha coinvolto il territorio del Municipio 2 di Milano, i bambini da 0 a 6 anni e le loro famiglie, e ha visto l’impegno diretto del Comune di Milano, di ATS e di diverse realtà del Terzo Settore e la valutazione di Università Cattolica. Il progetto ha impattato su 10 servizi educativi, ha avuto come destinatari circa 800 bambini e bambine e circa 200 minori non iscritti ai servizi educativi e le relative famiglie. Il focus sarà un incontro finalizzato a:

    • raccontare i 2 anni d’azione di Primi Passi e la sfida affrontata (cosa, dove e con chi);
    • illustrare il metodo di lavoro (come l’abbiamo fatto);
    • aprire prospettive intorno alla costruzione di politiche pubbliche e progetti che mettano a sistema un nuovo modello di gestione dei Servizi all’Infanzia.

    Come bambini che muovono i primi passi gli attori del progetto hanno affrontato la sfida di costruire un modello di governance trasferibile ad altre aree della città e hanno messo in campo azioni e riflessioni capaci di contrastare la povertà educativa e di creare una reale e sinergica comunità educante a beneficio dei cittadini di domani.

    Sala arancione - Ore 12:00-13:30

    MARIA TERESA CAPONE, DANIELA NUZZO, SABRINA PALLARA

    Un passato da leggere, un passato da narrare

    Posti ancora disponibili: 17

    Dettagli

    Cosa accade quando il Writing and Reading Workshop offre una spalla ad altre discipline? La rete Incantiere propone, tra le esperienze vissute in classe e le riflessioni sul metodo, strategie e attività di incontro e contaminazione tra italiano e storia.

    La comunità di lettori si confronta con il passato in un laboratorio ricco di intersezioni generatrici di nuove narrazioni e sperimenta i processi di scrittura e creazione del personaggio propri di un racconto storico (anche con il supporto delle TIC), codifica regole e ritmi interni del genere, si mette alla prova narrando fatti, interpretando eventi, ritornando sulle fonti come lettore consapevole.

    Lasciati coinvolgere da un passato tutto da leggere, tutto da narrare!

    Piazza espositori - Ore 14:00-15:00

    ANGELICA MANCA

    The Garden Project: Un Percorso CLIL a Base di Natura

    Posti ancora disponibili: 48

    Dettagli
    Evento realizzato a cura di HOOPLA EDUCATION

    Un incontro interattivo in cui Angelica Manca, Co-Founder di Hoopla Education, ed autrice del programma didattico CLIL di Scienze The Garden Project, ci mostrerà come insegnare l’inglese a bambini della scuola dell’infanzia e primaria partendo dalla natura, in un modello educativo basato sulla sostenibilità. Partiremo da una base teorica usando un approccio intuitivo ispirato dal ciclo vitale delle piante, per proseguire con l’approfondimento di concetti e competenze multidisciplinari, aumentando in complessità a seconda dell’età dei bambini. La seconda metà del laboratorio sarà pratica. Scopriremo come usare l’orto in scatola come spazio educante per superare la mancanza di spazi esterni e motivare l’apprendimento dell’inglese grazie ad esperienze del tipo manipolativo sensoriale e la sperimentazione diretta con la natura. 

    Sala blu - Ore 14:30-16:00

    ALEXANDRA BERNDT

    Ci fa o ci è? Riconoscere e gestire la disinformazione online

    Posti ancora disponibili: 132

    Dettagli

    L’intervento prevede nella sua prima parte l’introduzione alle forme e ai meccanismi persuasivi della disinformazione online, i retroscena tecnologici, economici, sociali e psicologici.
    Nella seconda parte, grazie all’analisi di un caso di attualità, insieme alla platea saranno elaborate e definite le competenze necessarie per riconoscere, smascherare e gestire la disinformazione online.
    Infine, saranno proposte alcune attività didattiche trasversali basate sul modello SAMR e il metodo dell’Inquiry Based Learning per introdurre la tematica della disinformazione online in classe.

    Sala arancione - Ore 14:30-16:00

    MELLA SCIANCALEPORE, GIOVANNA PALUMBO, MADDALENA GRIECO

    Il Caviardage® di Tina Festa come metodo didattico

    Posti esauriti

    Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

    Dettagli

    L’intervento partirà dalle attuali sperimentazioni del Metodo Caviardage® in ambito didattico, cercando di mostrare, attraverso un confronto di esperienze, i possibili risvolti legati agli apprendimenti delle discipline. Il Metodo Caviardage®, infatti, mettendo l’alunno al centro dell’azione didattica del docente, conduce, partendo dal sé e dal proprio vissuto emotivo, ad un processo di identificazione che arriva a fissare contenuti disciplinari e a sviluppare la capacità di condivisione, di cooperazione e di soluzione di problemi scomponendo e ricomponendo il pensiero attraverso l’azione.

    Arena - Ore 14:30-17:30

    RETE LE SCUOLE DI SFIDE

    Le Scuole di Sfide si raccontano

    Posti ancora disponibili: 131

    Dettagli

    Le scuole della rete si raccontano: idee, progetti, buone pratiche da condividere.

    Interverranno, in particolare:

    Istituto Comprensivo via Giacosa di Milano: UN PERCORSO DI SCUOLA DIFFUSA
    Direzione Didattica di Valenza (AL): PLASTIC FREE, LA GRANDE SFIDA
    Istituto Comprensivo di Castegnato (BS): FARE SCUOLA CON IL CINEMA
    Istituto Comprensivo Buonarroti di Corsico (MI): PHYLOSOPHY FOR CHILDREN
    Istituto Comprensivo Montessori di Bollate (MI): PROGETTO MEMORIA
    Istituto Comprensivo di Viguzzolo (AL): IL DNA, LA MOLECOLA DELLA VITA
    Liceo Statale “G. Peano” di Tortona (AL): ESSAYER POUR RÉUSSIR. LE DÉFI D’UNE EXPÉRIENCE DE TRAVAIL EN FRANCE
    Liceo Statale “G. Peano” di Tortona (AL): SCUOLA DEBULLIZZATA – VEDO, SENTO, PARLO!
    Istituto Comprensivo di Bellusco e Mezzago (MI): GIOCOOPERIAMO

    Aula rossa - Ore 14:30-16:00

    LEONARDO MENEGOLA

    Le tecnologie assistive per la didattica come strumento di relazione e comunicazione: dinamiche e comportamenti attraverso i mediatori tecnologici.

    Posti ancora disponibili: 18

    Dettagli

    Un breve viaggio per esperienze ed esempi, attraverso diverse possibili modalità di utilizzo, nell’interazione d’aula, di strumenti digitali per la formazione. Perché la tecnologia non è software, cloud, piattaforme educational. Ma un mediatore cui dar vita rinforzando il proprio ruolo di formatore. Come, dunque, dare una consegna e un feedback, condurre un ‘gruppo’, governarne le dinamiche, motivare e ingaggiare i singoli, le loro meccaniche attentive, cognitivo-apprenditive, sensoriali ed emozionali utilizzando le TIC?

    Scopriremo come le tecnologie assumano contorni concreti e sensibili, incorporati - embodied - nelle pratiche vissute dell’aula.

    Aula verde - Ore 14:30-16:00

    LUCIA MAISTRELLO, NICOLA IANNACCONE

    SCUOLA IN MOVIMENTO- Le Pause Attive

    Posti ancora disponibili: 36

    Dettagli

    Presentazione dell’esperienza realizzata presso IC Nazario Sauro di Milano.

    Nell’ambito del programma Scuola in Movimento, le Pause attive rivestono particolare importanza soprattutto nella Scuola Primaria, in quanto esempio di attività motoria in grado di indurre un guadagno cognitivo nei bambini attraverso meccanismi di riequilibrio di strutture ben definite del sistema nervoso centrale, inibendo eventuali eccessivi livelli di stress e aprendo la strada all’elaborazione cognitiva a livello della corteccia cerebrale. E’ scientificamente dimostrato che le pause che si basano su attività ritmiche più o meno complesse, sull’utilizzo della musica in sinergia con i movimenti o su momenti di gioco creativo sono tra le più adatte ad indurre questo equilibrio, mentre altre pause, cosiddette attivanti possono servire ad aumentare o a focalizzare l’attenzione e la concentrazione se proposte ad intervalli di 20-40 minuti durante le lezioni di insegnamento curricolare.

    Oils lab - Ore 14:30-16:00

    ROBERTA BARZAGHI , EMANUELE BREVEGLIERI , ROSSELLA CERIOLI , FILIPPO VALENTI

    Smonting un workshop per capire cosa c'è... dentro!

    Posti ancora disponibili: 22

    Dettagli

    Smonting, un approccio didattico per scoprire il mondo che si nasconde nel cervello di un computer, nelle viscere di una stampante, nel cuore di un asciugacapelli... Smontare oggetti rappresenta un'esperienza altamente formativa: smontando un oggetto se ne percepiscono le qualità, si intuisce la logica con cui è costruito, si fanno esperienze sull’uso degli utensili e l’applicazione delle procedure di sicurezza, ci si allena a vedere ed immaginare altri usi per i pezzi che vengono recuperati, si comprende il significato della parola “tecnologia”, si applica alla quotidianità il concetto di sostenibilità.

    Piazza espositori - Ore 15:00-16:00

    ANDREA MARICELLI

    Apple Education - Insegnare e apprendere senza frontiere (Accessibilità, inclusione, creatività, AR, lingue straniere)

    Posti ancora disponibili: 55

    Dettagli
    Evento realizzato a cura di C&C

    Da sempre uno dei fiori all’occhiello dei prodotti Pearson riguarda la sua offerta editoriale sulle lingue straniere. Oggi questa viene affiancata e sostenuta dalla didattica digitale su iPad, in un binomio di rara efficacia e funzionalità. In questo workshop comprenderemo appieno quali opportunità offra questa collaborazione, e come insegnare e apprendere al meglio le lingue straniere con l’aiuto delle più avanzate forme testuali (il libro liquido) e applicazioni (un esempio per tutti: la realtà aumentata). Il tutto condito dalla necessità, sempre più pressante, di costruire contenuti didattici che non lascino indietro nessuno ma che siano effettivamente capaci di integrare tutti gli studenti, in uno straordinario percorso di apprendimento condiviso. Make it so! 

    Sala blu - Ore 16:00-17:30

    GIANNI ALBERTA, ROSELLA BLUMETTI, GENNARO PEPE, ROBERTO SENSI

    Dai banchi di scuola alla tavola buon cibo per tutti e per tutte

    Posti ancora disponibili: 148

    Dettagli

    Buon cibo per tutti e tutte deve essere un obiettivo in cima all’agenda politica, anche a scuola. Storici progetti di educazione alimentare e alla salute sono affiancati da nuove sperimentazioni di concrete buone pratiche, che questo Seminario intende aiutare a diffondere.

    Le future politiche del cibo devono coinvolgere adeguatamente scuole, associazioni, tutti gli stakeholder dei territori, dove far crescere dignitosamente i giovani cittadini e cittadine di ogni ordine e grado di scuola. Seminario rivolto a chi sta lavorando per migliorare il mondo. I temi trattati:

    • Pratiche e politiche di contrasto alla povertà alimentare - Roberto Sensi
    • Il Manifesto per la Lotta alla povertà alimentare - Gennaro Pepe
    • Mai più, senza cibo mai più - Gianni Alberta
    • Linee Guida per il Diritto al cibo nelle scuole - Rosella Blumetti

    Oils lab - Ore 16:00-17:30

    ANNABELLA COIRO, PAOLO LIMONTA, FRANCESCO MURARO , SONIA COLUCCELLI, ANTONELLA MEIANI

    Gesti di cittadinanza

    Posti ancora disponibili: 24

    Dettagli

    Un vocabolario di parole gentili in arabo per far star bene un bambino appena arrivato, un materasso in un angolo dell’aula perché la classe sia un luogo in cui tutti stanno bene, la Giornata della Lingua madre perché ogni famiglia si senta a casa, un vademecum perché i diritti delle bambine e dei bambini senza cittadinanza siano protetti in tutte le scuole, il cerchio del dialogo e la regola d’oro come base quotidiana di ogni relazione, fino ad arrivare allo “jus soli”. Quanti sono i gesti di cittadinanza che fanno sentire “cittadino” un bambino? Possono bastare i gesti quotidiani di inclusione senza che la cittadinanza diventi il pieno riconoscimento formale di un diritto? Quali sono i diritti e i doveri della scuola in quanto comunità intergenerazionale ‘ad alto indice di Umanità’? E che cosa provano le bambine e i bambini in attesa di cittadinanza? È un tema che riguarda tutti e tutte perché la cittadinanza è sentirsi parte attiva di una comunità e partecipare con pieno diritto alla vita quotidiana, non solo in classe.

    Con le voci delle bambine e dei bambini raccolte nella scuola primaria ‘Casa del Sole’ di Milano.

    Aula rossa - Ore 16:00-17:30

    CLAUDIA POZZO, LAURA ROMOLI

    Grande incanto

    Posti ancora disponibili: 68

    Dettagli

    Immaginateveli, i vostri figli o i vostri studenti, alle prese con il greco e il latino; immaginateveli, i vostri ragazzi che faticano alle scuole medie, alcuni appena giunti nel nostro Paese, altri con sempre appiccicato in fronte il cartellino “straniero”. Immaginateveli insieme, una volta la settimana, a leggere e discutere e riscrivere ….. l’Odissea, le Storie di Erodoto, i diari di Saint Exupery e Charles de Foucauld, l’Eneide di Virgilio. Immaginatevi questi antichi testi trasformarsi - tra le mani di questi ragazzi - in immagini, parole, musiche da presentare sulla scena.  Questa la sfida del laboratorio che da quattro anni, sotto la guida di Claudia Pozzo presso l’istituto Beata Vergine Addolorata, vede insieme,  tutte le settimane da ottobre a maggio, ragazzi e ragazze delle scuole medie e studenti liceali di Milano facendo uscire i “classici” dalla riserva cui sono spesso confinati. Non una scuola di teatro, né uno studio dei classici. Un laboratorio: gomito a gomito, per un’opera comune. Qui nasce la conoscenza, la convivenza, la reciprocità. Ragazze e ragazzi, studenti, autori classici. Un trinomio che orienta tutti i movimenti all’interno del cerchio incantato: perché nessuna scelta può condurre a trascurare qualcuno, nessuna scelta tralascia qualcosa. Certo, l’incanto aiuta, ma come ogni incanto dura poco; eppure dà una mano a pensarsi diversamente da come il mondo degli adulti  induce a considerare i giovani, l’educazione, il sapere.

    Ogni anno il lavoro viene presentato nel corso di Bookcity scuole.

    Piazza espositori - Ore 16:00-16:40

    MARIO VALLE

    Il tablet di Maria Montessori

    Posti ancora disponibili: 49

    Dettagli
    Evento realizzato a cura di G.A.M. GonzagArredi Montessori srl

    Le idee e le scuole Montessori sono ancor più attuali oggi in un mondo sempre più tecnologico di quanto erano agli inizi del Novecento. Maria Montessori era molto curiosa, avrebbe sicuramente provato e studiato che cosa si poteva fare con computer e reti sociali. Curiosa ma concreta, con il bambino sempre al centro dell'azione educativa

    Sala arancione - Ore 16:00-17:30

    RENATO CAZZANIGA, SABRINA BONAITI, CORRADO COSENZA, ALDINA ARIZZA, FRANCESCO MAISTO, ROBERTO BEZZI

    Imparare dentro: “La scuola in carcere”

    Posti ancora disponibili: 81

    Dettagli

    Partendo dalla proiezione di un film prodotto dal CPIA di Lecco presso la casa Circondariale di Lecco nello scorso anno scolastico, sarà presentata una recente pubblicazione a cura del Centro di Ricerca, Sperimentazione e Sviluppo dei Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti della Lombardia, in collaborazione con la Rete dei Centri, intitolata appunto “lmparare dentro”. Si tratta di uno sguardo al mondo dell’istruzione rivolta ai detenuti, che è sì un mandato costituzionale finalizzato all’innalzamento della scolarità, ma anche e soprattutto la scoperta di una progettualità didattica, dotata di una carica innovativa tale da arricchire e rivoluzionare dal di dentro il modo stesso di fare scuola.

    La seconda parte dell'evento è dedicata al tema: Carcere "L’educazione estesa a tutte le fasi della vita"  che vede l’essenza della formazione in età adulta mettere al centro la motivazione, le esperienze e la competenza di vita delle persone stesse. Il carcere, contenitore di complesse adultità, può essere momento di ricostruzione identitaria per i reclusi, anche convenzionalmente collocati nella terza età ma ci interroga sulla reale applicabilità dell’educazione, in un contesto che spesso tende all’omologazione.

    Aula verde - Ore 16:00-17:30

    NOEMI MORRONE

    TeatroAttivaCultura (TAC): spazio permanente di sperimentazione teatrale e arti performative

    Posti ancora disponibili: 43

    Dettagli

    Il progetto TAC si propone di trasformare la scuola, lo spazio Worm e le Officine Puecher in un luogo di sperimentazione teatrale e performativa a disposizione della cittadinanza del quartiere e della città tutta, aperto a proposte esterne e pronto a collaborazioni e contaminazioni artistiche al fine di creare, attraverso l’arte, occasioni di incontro e inclusione sociale.

    TAC vede la scuola come luogo di educazione e cultura diffusa, la scuola oltre la scuola: come polo culturale, motore di rinnovamento, luogo di apprendimento condiviso in cui associazioni multiculturali, cittadini del quartiere e della città, educatori, docenti e alunni lavoreranno insieme per consolidare la coesione sociale, favorire l'integrazione, educare al senso di comunità.  Il progetto nasce per restituire alla comunità educante uno spazio che le appartiene e per usare la scuola come modello, catalizzatore e promotore di inclusione sociale attraverso eventi culturali, laboratori di arti e mestieri, e produzioni artistiche aperte a tutta la cittadinanza.

    Piazza espositori - Ore 16:40-17:20

    ANNA SONIA CUNA

    Le mani per scoprire il mondo

    Posti ancora disponibili: 47

    Dettagli
    Evento realizzato a cura di G.A.M. GonzagArredi Montessori srl

    L’attività della mano è una delle più antiche e specifiche della nostra specie: dalla costruzione di manufatti e attrezzi di un tempo, all’utilizzo dei mezzi tecnologici odierni. La mano del bambino che con curiosità scopre gli oggetti che lo circondano, la possibilità di fare esperienza con materiali adatti ai suoi bisogni, come il materiale di sviluppo Montessori, permette la manifestazione dell’io interiore. “…l’uomo si può dire, prende possesso dell’ambiente con la sua mano e lo trasforma sulla guida dell’intelligenza, compiendo così la sua missione nel gran quadro dell’universo!” L’importanza di offrire al bambino un ambiente di apprendimento “maestro”, sin dai primi anni di vita è fondamentale, come quella di accogliere il mondo che lo circonda, filtrandolo e proponendolo nel rispetto delle sue reali necessità e tempi.

    Piazza espositori - Ore 17:20-18:00

    DONATELLA BRUNO

    Dall'esplorazione sensoriale allo sviluppo del pensiero procedurale

    Posti ancora disponibili: 54

    Dettagli
    Evento realizzato a cura di G.A.M. GonzagArredi Montessori srl

    Le esperienze che il bambino compie nell’ambiente “maestro”, costituiscono un punto di forza per ulteriori approcci educativi “alternativi” ma in piena e costante sintonia con la pedagogia montessoriana. Le esperienze che vogliamo condividere rispondono alla

    domanda: “Montessori e robotica educativa: quali affinità?”

    Iscrizioni