Programma 8 Marzo 2020 Iscrizioni

Sala arancione - Ore 10:30-12:00

ANNA NERVO

Dalla primaria al CPIA: insegnando si impara

Posti ancora disponibili: 92

Dettagli

Passare dalla scuola primaria alle classi del CPIA è stata una sfida importante nel mio percorso professionale. Ho insegnato per anni in un istituto comprensivo dove la tecnologia è di casa e mi sono formata sperimentando in classe metodologie innovative e strumenti digitali. L'anno scorso ho deciso di cambiare. Ho insegnato per un anno al CPIA2 dove la tecnologia spesso è assente, ma è molto alto il livello di umanità che si incontra negli occhi degli alunni, immigrati dai 16 ai 70 anni. Ora faccio parte dell’équipe formativa territoriale in Piemonte. Racconto la mia esperienza di docente per condividere risorse digitali e non, metodologie e pratiche didattiche, opportunità e idee da applicare nel campo educativo e dell'Italiano L2 con gli adulti e con i ragazzi. 

Aula rossa - Ore 10:30-12:00

CARMELO FARINELLA, MAURIZIO ANSELMO GAVAZZONI

Elaborazioni Multi Sensoriali (EMS)

Posti ancora disponibili: 2

Dettagli

La promozione della molteplicità dei linguaggi trova un canale privilegiato nell’esperienza sonoro-musicale. Quest’ultima, oltre ad essere un eccellente veicolo per la stimolazione sensoriale, può consentire lo sviluppo e il miglioramento delle prestazioni cognitive. Con particolare attenzione ai bisogni educativi speciali, la musica può supportare i prerequisiti e le abilità di lettoscrittura, il calcolo logico-matematico, la motricità fine, l’autoregolazione, le capacità relazionali.

Le elaborazioni multi sensoriali musicali abbattono la settorialità delle discipline e pongono l’alunno al centro di un percorso di apprendimento significativo...

…e così intensamente efficace da consentire di avvicinare piacevolmente i bambini all’esperienza scolastica, avviandoli ai saperi attraverso una stimolante esperienza ludico-musicale di carattere interdisciplinare, incentrata su stimolazioni sensoriali e percettive capaci di guidare all’espressione cognitiva e alla razionalità. Nel contempo permetterà agli educatori della Scuola dell’Infanzia di realizzare un avvincente e vincente raccordo con la Scuola Primaria, costruendo per i bambini un facile ponte verso la lettoscrittura, il calcolo logico-matematico, la psicomotricità fine e l’autoregolazione. Altrettanto efficacemente permetterà agli insegnanti della Primaria di accompagnare gli allievi nel percorso formativo utilizzando pratiche attive che favoriscano il superamento di eventuali difficoltà negli ambiti linguistico, logico, motorio, espressivo e relazionale.

Aula verde - Ore 10:30-12:00

LEONARDO MENEGOLA

Gestire efficacemente l’aula attraverso la sensorialità e la comunicazione non-verbale. Scienza e arte dell’espressione creativa per un metodo didattico-educativo di successo

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

Immaginiamo una classe difficile. Uno o due allievi con caratteristiche comportamentali complesse, sfidanti. L’insegnante non sente riconosciuto da parte dei ragazzi il suo ruolo adulto, didattico, educativo. Il risultato? Un vissuto di frustrazione e dispiacere. Possibili frizioni, conflitti. L’insegnante tenta di simulare un’accettazione rassegnata, o d’incolpare i ragazzi, o di auto-seppellirsi con sensi di colpa. In una spirale negativa di aspettative e di comportamenti.

E se invece vi fosse un modo per riuscire ad esprimere potenzialità, a completare obiettivi, costruire con la classe un sistema di comunicazione ed una cornice relazionale incentrata su benessere ed efficacia? Quel modo c’è. Per chi ama la complessità e la teoria, ma anche per chi ricerca la semplicità e la pratica. Ci soccorre con esempi concreti e un modello l’antropologia cognitiva, che parte dall’analisi di qualche decisivo aspetto sensoriale, non verbale e simbolico delle interazioni insegnante-alunni. Per riscoprire un modo salutare ed efficace di essere insegnanti.

Sala blu - Ore 10:30-12:00

TIZIANO PERA

La SCUOLA-ORCHESTRA: per una didattica armonica e condivisa

Posti ancora disponibili: 112

Dettagli

.La scuola di oggi si cura della quantità degli apprendimenti più che della loro qualità che sembra essere ostacolata dalla confusione lessicale (con cui si comunica la didattica disciplinare), dall’isolamento socio-culturale degli insegnanti e dal poco tempo per sviluppar curricoli funzionali alla competenza degli allievi. Da qui l’idea di recuperare un vocabolario intersoggettivo che qualifichi le relazioni tra docenti e allievi e famiglie. La tesi che verrà argomentata è che “la Scuola o è un'orchestra o, semplicemente, non è”: Solo un lavoro d’equipe può infatti produrre le armonie necessarie alla crescita responsabile degli allievi come cittadini artefici del loro futuro.
Il contributo, frutto di una ricerca ormai matura, proverà a rispondere ai seguenti tre interrogativi:
1) Qual è il vocabolario comune da usare tra noi insegnanti?

2) Quale didattica ci occorre per “respirare” la vita?

3) Quale didattica può offrirci una "valutazione"; armonica? Vedremo alcune risposte concrete per costruire una “comunità educante".

Oils lab - Ore 10:30-12:00

FEDERICA SCARRIONE

Luci, suoni, movimento: il robot che fa il nostro gioco!

Posti ancora disponibili: 32

Dettagli

Un laboratorio per ragazzi in cui  impareremo a:

  • conoscere alcune componenti hardware di un robot

  • programmare alcune azioni del robot in un linguaggio semplice e intuitivo

  • lavorare a piccoli gruppi per portare a termine un piccolo progetto e migliorarlo

  • sfidarci simpaticamente alla ricerca della soluzione più efficace

I partecipanti devono portare con sé un notebook personale, dotato di alimentatore e mouse. In questo modo il software e il lavoro resteranno a loro disposizione anche dopo l’evento.

Età consigliata 9-12

Le iscrizioni sono a cura dei genitori.

Arena - Ore 10:30-12:00

MARCO GERONIMI STOLL

Marketing, non mi avrai!

Posti ancora disponibili: 135

Dettagli

Tre resistenze giocose al consumismo che ci consuma

Il consumismo, che ci spinge a dissipare materie prime ed energia, è il principale vettore motivante della crisi climatica ed ambientale.
Le persone soddisfatte non consumano; il marketing funziona rendendoci insoddisfatti per quello che abbiamo e quello che siamo.
Lo fa, per statuto, “dalla culla alla tomba”. 

La scuola deve ogni giorno competere (sic) con questa “educazione” molto più pervasiva, sleale e immaginifica. Lo sa ogni genitore, lo sa ogni insegnante. Parleremo di capricci nel carrello, di crisi ad ogni pasto, dei giocattoli nei cartoni, di invecchiamento infantile, di immaginario colonizzato. 
L’atelier raccomanda tre strategie giocose:
1. io sono bello di default, strategie per piacersi;
2. la mia bici è meglio di una Ferrari, strategie per sentirsi forti;
3. rallento quindi immagino, strategie per l’immaginazione profonda.

Piazza espositori - Ore 11:00-12:00

CATERINA AMARITI, PAOLA CARPEGGIANI

La scrittura creativa visiva, con la cancellatura, dà voce, racconta silenzi, raccoglie le parole. Scrivere cancellando è un atto creativo!

Posti ancora disponibili: 41

Dettagli
Evento realizzato a cura di ANPE - Associazione Nazionale Pedagogisti Italiani

La Erasure Poetry è una forma di scrittura artistica e poetica che dona nuovi significati a partire da un testo pre-esistente. Le parole ci raggiungono e si ricompongono in un testo poetico a nostra misura. Agendo per eliminazione del superfluo creiamo qualcosa di nuovo, di intimo e riflettente. Ci rispecchiamo in un componimento dando voce alle nostre emozioni e trasformandole in segni tangibili su cui posare lo sguardo ribaltando la prospettiva e scorgendo nuovi significati. Parole trovate, dissotterrate e rivestite di nuovi ed autentici alfabeti emotivi.

Oils lab - Ore 12:00-13:30

SIMONA LAMONACA

Giornalismo e comunicazione a scuola per la formazione di lettori consapevoli

Posti ancora disponibili: 33

Dettagli

Fake news diffuse con grande rapidità, notizie fraintese, incapacità di argomentare le proprie idee e quindi facile diffusione di offese gratuite: questa realtà è purtroppo ben nota a tutti... 

Fra le sfide che la scuola di oggi deve urgentemente affrontare c'è quella di riuscire a formare dei lettori di notizie consapevoli, e più in generale dei fruitori attenti di contenuti di qualsiasi tipo, dato che la comunicazione non passa solo attraverso notizie scritte, ma sempre più anche attraverso video-notizie, spot, campagne promozionali, ecc. Ecco dunque che fare giornalismo e comunicazione a scuola significa rendere i ragazzi produttori attivi di notizie e di messaggi di vario genere, in grado di comprendere dal di dentro che cosa significa controllo delle fonti, verifica dei diritti sui contenuti, precisione nel dare una notizia argomentata attraverso fatti. Avere infatti una conoscenza diretta di tutto ciò che sta dietro alla produzione dei contenuti aumenta di conseguenza la capacità critica di fuizione degli stessi. 

Oggi che la scuola è sempre più laboratorio attivo capace di sviluppare competenze, bisogna passare per “il fare” per offrire agli adulti di domani le competenze fondamentali per orientarsi nel mondo sempre più complesso della comunicazione.

Aula rossa - Ore 12:00-13:30

LUCIANA BERTINATO, ROBERTO PAPETTI

Io, tu, noi, Pacifici perché la pace si fa insieme

Posti ancora disponibili: 17

Dettagli

Dai giocattoli di Pace ai piccoli personaggi che rappresentano ognuno di noi, il progetto "La
carovana dei Pacifici" è un percorso per cercare insieme come nascono i conflitti a partire
dal quotidiano, come si possono accogliere e affrontare, come si testimonia la pace, come
si può rifiutare l’enormità delle guerre, come ci si può sentire in cammino pacifico con
tanti bambini e adulti in tutto il mondo.

Aula verde - Ore 12:00-13:30

MARIA RITA MANZONI

La Crosslesson: un modello di didattica digitale tra realtà virtuale e gamification

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

Si presenterà una lezione costruita attraverso attività di gamification (escape room e caccia al tesoro) che trasformano  i compiti di apprendimento in sfide emozionanti atte a favorire la ricerca, lo sviluppo dell'information literacy, e il cooperative learning, nonché lo sviluppo di competenze di problem solving. Nella fattispecie, a partire da un video che contiene un piccolo mistero si cercherà di ricostruire la vicenda di un personaggio "misterioso" utilizzando la geolocalizzazione. Sarà l'occasione per esplorare le potenzialità dei video 360°, di Google Earth e dell'applicazione Tourbuilder ad esso correlata, nonché dell'applicazione Paneek. Si mostreranno i siti dove reperire i materiali per integrare la VR nella prassi didattica. Si rifletterà con i partecipanti sul modello di Crosslesson come possibilità di integrazione del digitale nella normale prassi didattica.

Arena - Ore 12:00-13:30

CRISTIANO PRAVADELLI, PAOLO LONER

Lo sport allena la scuola

Posti ancora disponibili: 137

Dettagli

Cosa può insegnare lo sport alla scuola? 

Che contributo di miglioramento può offrire una disciplina apparentemente centrata allo sviluppo e alla cura delle performance del corpo ad una che sembra tutta orientata allo sviluppo della testa? 

Molto di più di quello che sembra perché sport e scuola condividono lo stesso interesse per il medesimo soggetto: l’allievo.  

Nell’ottica della contaminazione dei saperi, in questo incontro, useremo i piani di allenamento e le conoscenze provenienti dall’allenamento alla performance sportiva per parlare di formazione, sviluppo, crescita ma soprattutto di miglioramento del capitale umano. In questo incontro, nello specifico, parleremo delle quattro aree di sviluppo tanto care al mondo dello sport: quella tecnica, quella tattico/strategica, quella fisica e quella mentale e spiegheremo come e perché sia importante, oggi, allenarle anche all’interno del contesto scolastico. L’incontro avrà la forma del workshop nel quale a spiegazioni tecniche si alterneranno esperienze pratiche.

Sala blu - Ore 12:00-13:30

LAURA GALIMBERTI, FRANCESCA CAPOLUNGO, ELENA SPOSITO, STEFANO LAFFI [MODERATORE], ANNA OPPIZZI, LAURA POMARI, TERESA TORRES TRELLES

Progetto PRIMI PASSI: Alleanze e sperimentazioni per i cittadini di domani

Posti ancora disponibili: 129

Dettagli

Cosa vuol dire innovare i Servizi all’Infanzia, allearsi tra professionalità differenti per mettere al centro i più piccoli della città e costruire una rete solida tra pubblico e privato con il coinvolgimento della comunità educante?

Il progetto Primi Passi. Polo sperimentale per la prima infanzia, finanziato dell’Impresa sociale Con i bambini, ha coinvolto il territorio del Municipio 2 di Milano, i bambini da 0 a 6 anni e le loro famiglie, e ha visto l’impegno diretto del Comune di Milano, di ATS e di diverse realtà del Terzo Settore e la valutazione di Università Cattolica. Il progetto ha impattato su 10 servizi educativi, ha avuto come destinatari circa 800 bambini e bambine e circa 200 minori non iscritti ai servizi educativi e le relative famiglie. Il focus sarà un incontro finalizzato a:

  • raccontare i 2 anni d’azione di Primi Passi e la sfida affrontata (cosa, dove e con chi);
  • illustrare il metodo di lavoro (come l’abbiamo fatto);
  • aprire prospettive intorno alla costruzione di politiche pubbliche e progetti che mettano a sistema un nuovo modello di gestione dei Servizi all’Infanzia.

Come bambini che muovono i primi passi gli attori del progetto hanno affrontato la sfida di costruire un modello di governance trasferibile ad altre aree della città e hanno messo in campo azioni e riflessioni capaci di contrastare la povertà educativa e di creare una reale e sinergica comunità educante a beneficio dei cittadini di domani.

Sala arancione - Ore 12:00-13:30

MARIA TERESA CAPONE, DANIELA NUZZO, SABRINA PALLARA

Un passato da leggere, un passato da narrare

Posti ancora disponibili: 18

Dettagli

Cosa accade quando il Writing and Reading Workshop offre una spalla ad altre discipline? La rete Incantiere propone, tra le esperienze vissute in classe e le riflessioni sul metodo, strategie e attività di incontro e contaminazione tra italiano e storia.

La comunità di lettori si confronta con il passato in un laboratorio ricco di intersezioni generatrici di nuove narrazioni e sperimenta i processi di scrittura e creazione del personaggio propri di un racconto storico (anche con il supporto delle TIC), codifica regole e ritmi interni del genere, si mette alla prova narrando fatti, interpretando eventi, ritornando sulle fonti come lettore consapevole.

Lasciati coinvolgere da un passato tutto da leggere, tutto da narrare!

Piazza espositori - Ore 14:00-15:00

ANGELICA MANCA

The Garden Project: Un Percorso CLIL a Base di Natura

Posti ancora disponibili: 48

Dettagli
Evento realizzato a cura di HOOPLA EDUCATION

Un incontro interattivo in cui Angelica Manca, Co-Founder di Hoopla Education, ed autrice del programma didattico CLIL di Scienze The Garden Project, ci mostrerà come insegnare l’inglese a bambini della scuola dell’infanzia e primaria partendo dalla natura, in un modello educativo basato sulla sostenibilità. Partiremo da una base teorica usando un approccio intuitivo ispirato dal ciclo vitale delle piante, per proseguire con l’approfondimento di concetti e competenze multidisciplinari, aumentando in complessità a seconda dell’età dei bambini. La seconda metà del laboratorio sarà pratica. Scopriremo come usare l’orto in scatola come spazio educante per superare la mancanza di spazi esterni e motivare l’apprendimento dell’inglese grazie ad esperienze del tipo manipolativo sensoriale e la sperimentazione diretta con la natura. 

Sala blu - Ore 14:30-16:00

ALEXANDRA BERNDT

Ci fa o ci è? Riconoscere e gestire la disinformazione online

Posti ancora disponibili: 131

Dettagli

L’intervento prevede nella sua prima parte l’introduzione alle forme e ai meccanismi persuasivi della disinformazione online, i retroscena tecnologici, economici, sociali e psicologici.
Nella seconda parte, grazie all’analisi di un caso di attualità, insieme alla platea saranno elaborate e definite le competenze necessarie per riconoscere, smascherare e gestire la disinformazione online.
Infine, saranno proposte alcune attività didattiche trasversali basate sul modello SAMR e il metodo dell’Inquiry Based Learning per introdurre la tematica della disinformazione online in classe.

Sala arancione - Ore 14:30-16:00

MELLA SCIANCALEPORE, GIOVANNA PALUMBO, MADDALENA GRIECO

Il Caviardage® di Tina Festa come metodo didattico

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

L’intervento partirà dalle attuali sperimentazioni del Metodo Caviardage® in ambito didattico, cercando di mostrare, attraverso un confronto di esperienze, i possibili risvolti legati agli apprendimenti delle discipline. Il Metodo Caviardage®, infatti, mettendo l’alunno al centro dell’azione didattica del docente, conduce, partendo dal sé e dal proprio vissuto emotivo, ad un processo di identificazione che arriva a fissare contenuti disciplinari e a sviluppare la capacità di condivisione, di cooperazione e di soluzione di problemi scomponendo e ricomponendo il pensiero attraverso l’azione.

Arena - Ore 14:30-17:30

RETE LE SCUOLE DI SFIDE

Le Scuole di Sfide si raccontano

Posti ancora disponibili: 131

Dettagli

Le scuole della rete si raccontano: idee, progetti, buone pratiche da condividere.

Interverranno, in particolare:

Istituto Comprensivo via Giacosa di Milano: UN PERCORSO DI SCUOLA DIFFUSA
Direzione Didattica di Valenza (AL): PLASTIC FREE, LA GRANDE SFIDA
Istituto Comprensivo di Castegnato (BS): FARE SCUOLA CON IL CINEMA
Istituto Comprensivo Buonarroti di Corsico (MI): PHYLOSOPHY FOR CHILDREN
Istituto Comprensivo Montessori di Bollate (MI): PROGETTO MEMORIA
Istituto Comprensivo di Viguzzolo (AL): IL DNA, LA MOLECOLA DELLA VITA
Liceo Statale “G. Peano” di Tortona (AL): ESSAYER POUR RÉUSSIR. LE DÉFI D’UNE EXPÉRIENCE DE TRAVAIL EN FRANCE
Liceo Statale “G. Peano” di Tortona (AL): SCUOLA DEBULLIZZATA – VEDO, SENTO, PARLO!
Istituto Comprensivo di Bellusco e Mezzago (MI): GIOCOOPERIAMO

Aula rossa - Ore 14:30-16:00

LEONARDO MENEGOLA

Le tecnologie assistive per la didattica come strumento di relazione e comunicazione: dinamiche e comportamenti attraverso i mediatori tecnologici.

Posti ancora disponibili: 18

Dettagli

Un breve viaggio per esperienze ed esempi, attraverso diverse possibili modalità di utilizzo, nell’interazione d’aula, di strumenti digitali per la formazione. Perché la tecnologia non è software, cloud, piattaforme educational. Ma un mediatore cui dar vita rinforzando il proprio ruolo di formatore. Come, dunque, dare una consegna e un feedback, condurre un ‘gruppo’, governarne le dinamiche, motivare e ingaggiare i singoli, le loro meccaniche attentive, cognitivo-apprenditive, sensoriali ed emozionali utilizzando le TIC?

Scopriremo come le tecnologie assumano contorni concreti e sensibili, incorporati - embodied - nelle pratiche vissute dell’aula.

Aula verde - Ore 14:30-16:00

LUCIA MAISTRELLO, NICOLA IANNACCONE

SCUOLA IN MOVIMENTO- Le Pause Attive

Posti ancora disponibili: 37

Dettagli

Presentazione dell’esperienza realizzata presso IC Nazario Sauro di Milano.

Nell’ambito del programma Scuola in Movimento, le Pause attive rivestono particolare importanza soprattutto nella Scuola Primaria, in quanto esempio di attività motoria in grado di indurre un guadagno cognitivo nei bambini attraverso meccanismi di riequilibrio di strutture ben definite del sistema nervoso centrale, inibendo eventuali eccessivi livelli di stress e aprendo la strada all’elaborazione cognitiva a livello della corteccia cerebrale. E’ scientificamente dimostrato che le pause che si basano su attività ritmiche più o meno complesse, sull’utilizzo della musica in sinergia con i movimenti o su momenti di gioco creativo sono tra le più adatte ad indurre questo equilibrio, mentre altre pause, cosiddette attivanti possono servire ad aumentare o a focalizzare l’attenzione e la concentrazione se proposte ad intervalli di 20-40 minuti durante le lezioni di insegnamento curricolare.

Oils lab - Ore 14:30-16:00

ROBERTA BARZAGHI , EMANUELE BREVEGLIERI , ROSSELLA CERIOLI , FILIPPO VALENTI

Smonting un workshop per capire cosa c'è... dentro!

Posti ancora disponibili: 22

Dettagli

Smonting, un approccio didattico per scoprire il mondo che si nasconde nel cervello di un computer, nelle viscere di una stampante, nel cuore di un asciugacapelli... Smontare oggetti rappresenta un'esperienza altamente formativa: smontando un oggetto se ne percepiscono le qualità, si intuisce la logica con cui è costruito, si fanno esperienze sull’uso degli utensili e l’applicazione delle procedure di sicurezza, ci si allena a vedere ed immaginare altri usi per i pezzi che vengono recuperati, si comprende il significato della parola “tecnologia”, si applica alla quotidianità il concetto di sostenibilità.

Piazza espositori - Ore 15:00-16:00

ANDREA MARICELLI

Apple Education - Insegnare e apprendere senza frontiere (Accessibilità, inclusione, creatività, AR, lingue straniere)

Posti ancora disponibili: 56

Dettagli
Evento realizzato a cura di C&C

Da sempre uno dei fiori all’occhiello dei prodotti Pearson riguarda la sua offerta editoriale sulle lingue straniere. Oggi questa viene affiancata e sostenuta dalla didattica digitale su iPad, in un binomio di rara efficacia e funzionalità. In questo workshop comprenderemo appieno quali opportunità offra questa collaborazione, e come insegnare e apprendere al meglio le lingue straniere con l’aiuto delle più avanzate forme testuali (il libro liquido) e applicazioni (un esempio per tutti: la realtà aumentata). Il tutto condito dalla necessità, sempre più pressante, di costruire contenuti didattici che non lascino indietro nessuno ma che siano effettivamente capaci di integrare tutti gli studenti, in uno straordinario percorso di apprendimento condiviso. Make it so! 

Sala blu - Ore 16:00-17:30

GIANNI ALBERTA, ROSELLA BLUMETTI, GENNARO PEPE, ROBERTO SENSI

Dai banchi di scuola alla tavola buon cibo per tutti e per tutte

Posti ancora disponibili: 149

Dettagli

Buon cibo per tutti e tutte deve essere un obiettivo in cima all’agenda politica, anche a scuola. Storici progetti di educazione alimentare e alla salute sono affiancati da nuove sperimentazioni di concrete buone pratiche, che questo Seminario intende aiutare a diffondere.

Le future politiche del cibo devono coinvolgere adeguatamente scuole, associazioni, tutti gli stakeholder dei territori, dove far crescere dignitosamente i giovani cittadini e cittadine di ogni ordine e grado di scuola. Seminario rivolto a chi sta lavorando per migliorare il mondo. I temi trattati:

  • Pratiche e politiche di contrasto alla povertà alimentare - Roberto Sensi
  • Il Manifesto per la Lotta alla povertà alimentare - Gennaro Pepe
  • Mai più, senza cibo mai più - Gianni Alberta
  • Linee Guida per il Diritto al cibo nelle scuole - Rosella Blumetti

Oils lab - Ore 16:00-17:30

ANNABELLA COIRO, PAOLO LIMONTA, FRANCESCO MURARO , SONIA COLUCCELLI, ANTONELLA MEIANI

Gesti di cittadinanza

Posti ancora disponibili: 24

Dettagli

Un vocabolario di parole gentili in arabo per far star bene un bambino appena arrivato, un materasso in un angolo dell’aula perché la classe sia un luogo in cui tutti stanno bene, la Giornata della Lingua madre perché ogni famiglia si senta a casa, un vademecum perché i diritti delle bambine e dei bambini senza cittadinanza siano protetti in tutte le scuole, il cerchio del dialogo e la regola d’oro come base quotidiana di ogni relazione, fino ad arrivare allo “jus soli”. Quanti sono i gesti di cittadinanza che fanno sentire “cittadino” un bambino? Possono bastare i gesti quotidiani di inclusione senza che la cittadinanza diventi il pieno riconoscimento formale di un diritto? Quali sono i diritti e i doveri della scuola in quanto comunità intergenerazionale ‘ad alto indice di Umanità’? E che cosa provano le bambine e i bambini in attesa di cittadinanza? È un tema che riguarda tutti e tutte perché la cittadinanza è sentirsi parte attiva di una comunità e partecipare con pieno diritto alla vita quotidiana, non solo in classe.

Con le voci delle bambine e dei bambini raccolte nella scuola primaria ‘Casa del Sole’ di Milano.

Aula rossa - Ore 16:00-17:30

CLAUDIA POZZO, LAURA ROMOLI

Grande incanto

Posti ancora disponibili: 68

Dettagli

Immaginateveli, i vostri figli o i vostri studenti, alle prese con il greco e il latino; immaginateveli, i vostri ragazzi che faticano alle scuole medie, alcuni appena giunti nel nostro Paese, altri con sempre appiccicato in fronte il cartellino “straniero”. Immaginateveli insieme, una volta la settimana, a leggere e discutere e riscrivere ….. l’Odissea, le Storie di Erodoto, i diari di Saint Exupery e Charles de Foucauld, l’Eneide di Virgilio. Immaginatevi questi antichi testi trasformarsi - tra le mani di questi ragazzi - in immagini, parole, musiche da presentare sulla scena.  Questa la sfida del laboratorio che da quattro anni, sotto la guida di Claudia Pozzo presso l’istituto Beata Vergine Addolorata, vede insieme,  tutte le settimane da ottobre a maggio, ragazzi e ragazze delle scuole medie e studenti liceali di Milano facendo uscire i “classici” dalla riserva cui sono spesso confinati. Non una scuola di teatro, né uno studio dei classici. Un laboratorio: gomito a gomito, per un’opera comune. Qui nasce la conoscenza, la convivenza, la reciprocità. Ragazze e ragazzi, studenti, autori classici. Un trinomio che orienta tutti i movimenti all’interno del cerchio incantato: perché nessuna scelta può condurre a trascurare qualcuno, nessuna scelta tralascia qualcosa. Certo, l’incanto aiuta, ma come ogni incanto dura poco; eppure dà una mano a pensarsi diversamente da come il mondo degli adulti  induce a considerare i giovani, l’educazione, il sapere.

Ogni anno il lavoro viene presentato nel corso di Bookcity scuole.

Piazza espositori - Ore 16:00-16:40

MARIO VALLE

Il tablet di Maria Montessori

Posti ancora disponibili: 49

Dettagli
Evento realizzato a cura di G.A.M. GonzagArredi Montessori srl

Le idee e le scuole Montessori sono ancor più attuali oggi in un mondo sempre più tecnologico di quanto erano agli inizi del Novecento. Maria Montessori era molto curiosa, avrebbe sicuramente provato e studiato che cosa si poteva fare con computer e reti sociali. Curiosa ma concreta, con il bambino sempre al centro dell'azione educativa

Sala arancione - Ore 16:00-17:30

RENATO CAZZANIGA, SABRINA BONAITI, CORRADO COSENZA, ALDINA ARIZZA, FRANCESCO MAISTO, ROBERTO BEZZI

Imparare dentro: “La scuola in carcere”

Posti ancora disponibili: 81

Dettagli

Partendo dalla proiezione di un film prodotto dal CPIA di Lecco presso la casa Circondariale di Lecco nello scorso anno scolastico, sarà presentata una recente pubblicazione a cura del Centro di Ricerca, Sperimentazione e Sviluppo dei Centri Provinciali per l’Istruzione degli Adulti della Lombardia, in collaborazione con la Rete dei Centri, intitolata appunto “lmparare dentro”. Si tratta di uno sguardo al mondo dell’istruzione rivolta ai detenuti, che è sì un mandato costituzionale finalizzato all’innalzamento della scolarità, ma anche e soprattutto la scoperta di una progettualità didattica, dotata di una carica innovativa tale da arricchire e rivoluzionare dal di dentro il modo stesso di fare scuola.

La seconda parte dell'evento è dedicata al tema: Carcere "L’educazione estesa a tutte le fasi della vita"  che vede l’essenza della formazione in età adulta mettere al centro la motivazione, le esperienze e la competenza di vita delle persone stesse. Il carcere, contenitore di complesse adultità, può essere momento di ricostruzione identitaria per i reclusi, anche convenzionalmente collocati nella terza età ma ci interroga sulla reale applicabilità dell’educazione, in un contesto che spesso tende all’omologazione.

Aula verde - Ore 16:00-17:30

NOEMI MORRONE

TeatroAttivaCultura (TAC): spazio permanente di sperimentazione teatrale e arti performative

Posti ancora disponibili: 42

Dettagli

Il progetto TAC si propone di trasformare la scuola, lo spazio Worm e le Officine Puecher in un luogo di sperimentazione teatrale e performativa a disposizione della cittadinanza del quartiere e della città tutta, aperto a proposte esterne e pronto a collaborazioni e contaminazioni artistiche al fine di creare, attraverso l’arte, occasioni di incontro e inclusione sociale.

TAC vede la scuola come luogo di educazione e cultura diffusa, la scuola oltre la scuola: come polo culturale, motore di rinnovamento, luogo di apprendimento condiviso in cui associazioni multiculturali, cittadini del quartiere e della città, educatori, docenti e alunni lavoreranno insieme per consolidare la coesione sociale, favorire l'integrazione, educare al senso di comunità.  Il progetto nasce per restituire alla comunità educante uno spazio che le appartiene e per usare la scuola come modello, catalizzatore e promotore di inclusione sociale attraverso eventi culturali, laboratori di arti e mestieri, e produzioni artistiche aperte a tutta la cittadinanza.

Piazza espositori - Ore 16:40-17:20

ANNA SONIA CUNA

Le mani per scoprire il mondo

Posti ancora disponibili: 47

Dettagli
Evento realizzato a cura di G.A.M. GonzagArredi Montessori srl

L’attività della mano è una delle più antiche e specifiche della nostra specie: dalla costruzione di manufatti e attrezzi di un tempo, all’utilizzo dei mezzi tecnologici odierni. La mano del bambino che con curiosità scopre gli oggetti che lo circondano, la possibilità di fare esperienza con materiali adatti ai suoi bisogni, come il materiale di sviluppo Montessori, permette la manifestazione dell’io interiore. “…l’uomo si può dire, prende possesso dell’ambiente con la sua mano e lo trasforma sulla guida dell’intelligenza, compiendo così la sua missione nel gran quadro dell’universo!” L’importanza di offrire al bambino un ambiente di apprendimento “maestro”, sin dai primi anni di vita è fondamentale, come quella di accogliere il mondo che lo circonda, filtrandolo e proponendolo nel rispetto delle sue reali necessità e tempi.

Piazza espositori - Ore 17:20-18:00

DONATELLA BRUNO

Dall'esplorazione sensoriale allo sviluppo del pensiero procedurale

Posti ancora disponibili: 54

Dettagli
Evento realizzato a cura di G.A.M. GonzagArredi Montessori srl

Le esperienze che il bambino compie nell’ambiente “maestro”, costituiscono un punto di forza per ulteriori approcci educativi “alternativi” ma in piena e costante sintonia con la pedagogia montessoriana. Le esperienze che vogliamo condividere rispondono alla

domanda: “Montessori e robotica educativa: quali affinità?”

Iscrizioni