Gli eventi del percorso "Scuola e pari opportunità di genere" Iscrizioni

Aula Rossa - 8 Marzo 2019 - Ore 10:00-11:30

MONICA DI BARBORA

Ci vedono così

Posti esauriti

Potrai comunque iscriverti alla lista di attesa

Dettagli

LABORATORIO RISERVATO A UNA SOLA CLASSE: L'ISCRIZIONE DEVE ESSERE EFFETTUATA DALL'INSEGNANTE ACCOMPAGNATORE.

Il laboratorio, rivolto a una classe della scuola secondaria di secondo grado, si concentrerà sulla rappresentazione di donne e uomini nella pubblicità e nella musica contemporanea. I ragazzi verranno guidati, attraverso una semplice griglia di analisi, nell’esame di alcune immagini e saranno invitati, con delle attività laboratoriali, a proporne una propria interpretazione. La metodologia prevede un coinvolgimento attivo delle e dei partecipanti. L’obiettivo è fornire alcuni strumenti per uno sguardo più critico nei confronti delle immagini che quotidianamente consumiamo e produciamo.

Aula Rossa - 8 Marzo 2019 - Ore 11:30-13:00

MONICA DI BARBORA

Guardare la storia. Donne e uomini nelle immagini dei manuali scolastici.

Posti ancora disponibili: 22

Dettagli

Il laboratorio, rivolto a docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, propone una riflessione sull’utilizzo delle immagini nei libri di testo, con particolare riguardo all’articolazione dei generi. Dopo una breve introduzione teorica, le/i docenti lavoreranno sui loro libri di testo per riflettere sulle modalità di rappresentazione usate nei manuali, anche nell’interazione con il testo scritto. L’obiettivo è fornire gli strumenti per una lettura, ma anche un utilizzo didattico, più consapevole della ricca mole iconografica proposta dai libri scolastici. L’incontro è pensato specialmente per le/i docenti di storia. Per un lavoro più proficuo, sarebbe preferibile che le/i partecipanti potessero avere con sé il libro di testo in uso.

Aula Rossa - 8 Marzo 2019 - Ore 17:00-18:30

MARIA PAOLA PESCE

Al femminile. Strumenti per costruire la parità di genere a scuola

Posti ancora disponibili: 2

Dettagli

La scuola è chiamata alla sfida di offrire ai giovani visioni di ciò che potranno essere una volta adulti: cittadini con eguali diritti ed eguali doveri, o persone con opportunità e bisogni comuni, e destini che incrociandosi possono disegnare futuri nuovi e straordinari? In ogni caso, è necessario offrire modelli di riferimento che dichiarino a tutti che non esistono confini che non possano essere superati, o ruoli che non possano essere interpretati. La letteratura ha il grande privilegio di offrire modelli positivi e vincenti di autori e autrici che hanno ignorato i limiti imposti dalla società, affrontando e risolvendo gli stereotipi, oltrepassando così, di fatto, il tema della parità di genere. Conoscere e presentare tali autori e i personaggi che sono usciti, e continuano ad uscire dalla loro penna è uno strumento fondamentale per proiettare una immagine priva di pregiudizi e ricca di impatto e di forza evocativa, e per costruzione progetti e laboratori didattici sempre nuovi ed efficaci.

Sala Arancione - 10 Marzo 2019 - Ore 10:30-12:00

TIZIANO PERA

Dalla didattica di genere alla riunificazione dei saperi: la scuola cambia pelle

Posti ancora disponibili: 58

Dettagli

La didattica di genere non è quella che si dedica alla distinzione tra maschietti e femminucce: oggi fortunatamente non esiste più l’economia domestica da proporre alle bambine e nessuno pensa che il meccano sia gioco per soli maschi, anche se in alcune scuole sono ricomparsi i grembiulini rosa e azzurro. Il fatto è che la differenza di genere innerva come in passato gli insegnamenti a tutti i livelli di scolarità: è presente nei manuali scolastici e, seppur sotto traccia, è praticata quotidianamente da noi insegnanti, al di là del fatto che se ne abbia coscienza o meno. Binomi come “Materia/Energia” (ma anche “Tempo/Spazio”, Grammatica/Narrazione, Soggetto/Verbo, Algoritmo/Strategia) sono intrisi di retorica di genere come lo sono i canoni letterari (Prosa/Poesia), le metodologie didattiche (la teoria sempre prima della pratica, il solfeggio prima dello strumento, ecc.) o la verifica/valutazione (facciamo il Test o il Tema?). Circa i binomi, basta ricordare che se per Aristotele la Materia inerte sarebbe da coniugarsi al “femminile” mentre lo spirito generativo lo sarebbe al “maschile”, per l’antica cultura ebraica la prospettiva va completamente ribaltata: la Materia, in quanto dimensione visibile e misurabile delle cose, richiamerebbe l’accezione maschile (il maschile deve necessariamente distruggere per poi ricostruire) mentre l’Energia rappresenterebbe la femminilità creatrice, qualitativa, invisibile e non misurabile. Decidere quale visione privilegiare è del tutto fuorviante, visto che l’obiettivo di entrambi è separare comunque maschile e femminile. L’intervento, scavando nei linguaggi e nelle posture delle didattiche disciplinari, porterà alla luce queste segrete pieghe per ricomporle così che il sapere venga ricondotto ad unità, in modo che, a partire dalla Scuola, anche la società impari a “cambiar pelle” superando i pregiudizi.

Aula Rossa - 10 Marzo 2019 - Ore 10:30-12:00

RENATO CAZZANIGA, ANTONELLA AIROLI, BRIZIDA HAZNEDARI

NOI SIAMO PARI. Tante diversità, uguali Diritti.

Posti ancora disponibili: 25

Dettagli

L'educazione rivolta alle donne/mamme immigrate  che resiedono nel nostro territorio è frutto di un lavoro di rete fra più istituzioni, tra le quali il CPIA si pone in prima linea. Il senso di tale esperienza formativa è quello di aiutare le donne immigrate a riconoscere e a valorizzare le loro specificità legate al femminile, vedendole come risorse su cui contare per aprirsi all’altra/o e per “ri-mettersi al mondo”: per essere cittadine sempre più autonome e consapevoli. L’apprendimento dell’italiano come lingua seconda diventa così una conquista necessaria, ma non esclusiva e forse nemmeno prioritaria. Non più il “fine” della frequenza al corso, ma il “mezzo” per procedere nei sentieri della conoscenza di sé e di quanto sta intorno: per declinare il proprio progetto migratorio in un progetto esistenziale.L'intervento sarà anche l'occasione per presentare un Quaderno operativo rivolto agli operatori del settore con suggestioni per realizzare una didattica di genere in corso di pubblicazione.

Iscrizioni